Giuseppe Liverani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Liverani (Milano, 1947) è un attivista ed editore italiano, militante sessantottino e fondatore della casa editrice Charta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Liverani ha fatto parte del gruppo dirigente del Movimento Studentesco di Milano, del quale fu tra i primi leader assieme a Mario Capanna e Fabio Guzzini. Il 5 febbraio 1973 per i tre venne emesso un mandato d'arresto per l'occupazione dell'università statale ma, mentre Capanna e Guzzini si diedero alla latitanza, Liverani, bloccato in caserma dove stava facendo il servizio di leva, fu arrestato. Nella primavera del 1974[1] Capanna venne messo in minoranza perché contrario ad allargare l'Ms fuori dalle Università, Liverani si dimise a sua volta mentre Guzzini dopo un periodo tornò nell' Ms diventato MLS. Liverani aderì successivamente a Democrazia Proletaria.

Ideatore di Smemoranda, nata all'interno della sezione giovanile di Democrazia Proletaria, ha fondato nel 1992 la casa editrice Charta, che si occupa d'arte a 360 gradi e distribuisce in tutto il mondo. Con sede a Milano, nel 2006 Charta ha aperto un ufficio a New York.

Note[modifica | modifica wikitesto]