Giuseppe Ferlito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Ferlito (Burgio, 24 ottobre 1954) è un regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in achitettura, frequenta la Bottega Teatrale di Vittorio Gassman[1]. Esordisce alla regia nel 1983 con Compagno che sei nei cieli[2] con Sergio Staino[3] e arriva al cinema di grande distribuzione con Femmina interpretato da Monica Guerritore e Roberto Farnesi[4], sceneggiato da Giuseppe Patroni Griffi[5].

Dal 1990 inizia l'esperienza come insegnante di cinema, presso il Videolaboratorio del Cinema Spazio Uno di Firenze, la Mediateca Regionale Toscana, e la provincia di Firenze. Nel 1994, insieme a un gruppo di appassionati, fonda la Scuola di Cinema Immagina, di cui è docente e direttore artistico.[6]

Nel 2001 realizza, con finanziamenti del Ministero dei Beni Culturali, Né terra né cielo[7], che ottiene il premio del pubblico al Festival del Cinema Italiano di Ajaccio nel 2004[8].

Nel 2008 dirige La verità negli occhi, con Roberto Farnesi[9]. Dello stesso anno è Non buttarti via, mediometraggio volto a sensibilizzare i giovani sulla tematica della gestione dei rifiuti domestici, promosso dall'assessorato all'ambiente della provincia di Firenze nelle scuole.

Dopo avere diretto i film Ultimo carico, commedia del quale è anche montatore e sceneggiatore (2010) e Cavallo di Troia (2013)[10], nel 2014 dirige Presto farà giorno con Chiara Caselli e Ludovico Fremont.

Nel 2016 firma la regia di Infernet, film dedicato a internet e ai suoi pericoli, che vede nel cast, tra gli altri, Remo Girone e Ricky Tognazzi.[11]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi e mediometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Doppio petto, mediometraggio (1997)
  • I Prigioni, mediometraggio (2000)
  • Cobret, mediometraggio (2007)
  • Nero di seppia, cortometraggio (2007)
  • Big bang Prodi, cortometraggio (2008)
  • La verità negli occhi, mediometraggio (2008)
  • Proiezioni, cortometraggio (2011)
  • Amore cieco, cortometraggio (2012)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Poppi, Roberto, 1947-, Dizionario del cinema italiano. I registi : dal 1930 ai giorni nostri, Gremese, 1993, p. 171, ISBN 8884401712, OCLC 30978599.
  2. ^ Istituto multimediale Scrittura e immagine Convegno nazionale, Scrittori per il cinema: Convegno nazionale, Pescara 2-3 ottobre 1998, Ediars, 1998. URL consultato il 13 agosto 2017.
  3. ^ Scuola di Cinema Immagina, " Compagno che sei nei cieli " di Giuseppe Ferlito, 29 settembre 2013.
  4. ^ Della_Casa, Steve, 1953- e D'Agostini, Paolo., Cinema italiano : annuario 1998, Il Castoro, 1998, ISBN 8880331302, OCLC 964206654.
  5. ^ Mereghetti, Paolo. e Mondadori, Cles, tipografo trentino., Il Mereghetti : dizionario dei film 2002, Baldini & Castoldi, 2001, p. 773, ISBN 8884900875, OCLC 801136318.
  6. ^ Registi emergenti: 'Amore cieco' di Giuseppe Ferlito, cinemio.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  7. ^ Della_Casa, Stefano., D'Agostini, Paolo. e Manera, Paolo., Cinema italiano : annuario 2003, Il castoro, 2002, p. 64, ISBN 8880332430, OCLC 876437472.
  8. ^ Festival del Cinema Italiano di Ajaccio - festival, su Filmitalia. URL consultato il 13 agosto 2017.
  9. ^ A Firenze il noir secondo Giuseppe Ferlito, sentieriselvaggi.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  10. ^ "Cavallo di Troia", in anteprima il nuovo film di Giuseppe Ferlito, in Repubblica.it, 20 gennaio 2014. URL consultato il 13 agosto 2017.
  11. ^ Cast completo InFernet (2016) | FilmTV.it. URL consultato il 13 agosto 2017.
  12. ^ Giuseppe Ferlito, su news.cinecitta.com. URL consultato il 23 settembre 2015.
  13. ^ MonrifNet, Cinema: Ferlito presenta il suo Cavallo di Troia - La Nazione - Firenze, su www.lanazione.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  14. ^ Fabio Bozzato, Viaggio nell’inferno di Internet, corrieredelveneto.corriere.it. URL consultato il 23 settembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]