Giuseppe Ferlito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Ferlito (Burgio, 24 ottobre 1954) è un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1983 produce documentari e cortometraggi, tra cui Contraccolpo, Lettere morte, Compagno che sei nei cieli, Doppio petto, I Prigioni e Non fate ombra sul viso di Guido, con Guido Paolo Marziali, Giorgio De Giorgi, Marcellina Ruocco e Pier Paolo Pacini.

Nel 1990 inizia l'esperienza come insegnante di cinema, presso il Videolaboratorio del Cinema Spazio Uno di Firenze, la Mediateca Regionale Toscana, e la provincia di Firenze.

Nel 1994 fonda insieme a un gruppo di appassionati la Scuola di Cinema Immagina, di cui è docente e direttore artistico[1]. Insieme con gli allievi della Scuola, realizza i lungometraggi Ritratti nella notte (2006), L’Affarista (2009), La pietra nel pozzo (2000) e Ultimo carico (2010, con la partecipazione di Giorgio De Giorgi).

Nel 1998 dirige Femmina interpretato da Monica Guerritore e Roberto Farnesi[2].

Nel 2001 realizza, con finanziamenti del Ministero dei Beni Culturali, Né terra né cielo, che ottiene il premio del pubblico al Festival del Cinema Italiano di Ajaccio 2004.

Nel 2008 dirige La verità negli occhi, con Roberto Farnesi[3]. Dello stesso anno è Non buttarti via, mediometraggio volto a sensibilizzare i giovani sulla tematica della gestione dei rifiuti domestici, promosso dall'assessorato all'ambiente della Provincia di Firenze nelle scuole.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi e mediometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Registi emergenti: 'Amore cieco' di Giuseppe Ferlito, cinemio.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  2. ^ Super User, Direzione Artistica della Scuola di cinema Giuseppe Ferlito | Scuola di Cinema Immagina, su www.cinemaimmagina.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  3. ^ A Firenze il noir secondo Giuseppe Ferlito, sentieriselvaggi.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  4. ^ Giuseppe Ferlito, su news.cinecitta.com. URL consultato il 23 settembre 2015.
  5. ^ MonrifNet, Cinema: Ferlito presenta il suo Cavallo di Troia - La Nazione - Firenze, su www.lanazione.it. URL consultato il 23 settembre 2015.
  6. ^ Fabio Bozzato, Viaggio nell’inferno di Internet, corrieredelveneto.corriere.it. URL consultato il 23 settembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]