Giuseppe Di Mauro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo dei liutai Di Mauro

Giuseppe (Joseph) Di Mauro (Catania, 10 novembre 1932Parigi, 2 luglio 2001[1]) è stato un liutaio italiano naturalizzato francese, figlio di Antonio Di Mauro liutaio a Catania ed emigrato a Parigi nel 1934.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Costruttore di chitarre, figlio di Antonio, liutaio a Catania, e nipote di Giuseppe, anch'esso liutaio, si trasferì a Parigi all'età di due anni e dal 1947, nella bottega del padre e dello zio, apprese l'arte della liuteria. Essi facevano parte della grande famiglia di liutai italiani trasferitasi a Parigi dal 1930.

Egli, anche dopo la morte del padre avvenuta nel 1976, consacrò la sua vita alla fabbricazione delle chitarre fino alla fine della sua attività nel 1993 quando, a seguito della demolizione dei locali in cui aveva la sua bottega, decise di interrompere l'attività non ritenendo di ricominciare da capo. La produzione dei Di Mauro è stata molto stimata fino a tutti gli anni sessanta per poi scemare a seguito dell'avvento dei grandi marchi statunitensi e giapponesi. I suoi strumenti rimangono comunque dei pezzi storici ricercati da chitarristi in cerca di strumenti di tipo Selmer.

Fra i chitarristi famosi che hanno suonato suoi strumenti si ricordano Sacha Distel, Henri Salvador e Pat Metheny. Oggi le chitarre Di Mauro sono molto rare e ricercate dai chitarristi che ne apprezzano il suono ed hanno raggiunto quotazioni ragguardevoli facendo la fortuna di coloro che le posseggono.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ elenco ufficiale decessi Francia, su deces.matchid.io. URL consultato il 7 giugno 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie