Giuseppe De Luca (baritono)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe De Luca

Giuseppe De Luca (Roma, 25 dicembre 1876New York, 26 agosto 1950) è stato un baritono italiano.

Svolse la gran parte della carriera al Metropolitan Opera House di New York.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò a Roma presso il Conservatorio di Santa Cecilia, dove ebbe per maestri due famosi ex-cantanti: Venceslao Persichini e Antonio Cotogni, e debuttò nel 1897 a Piacenza come Valentin in Faust.

Cantò poi al Teatro alla Scala dal 1902 al 1910 e alla Royal Opera House di Londra nel 1907. Successivamente approdò negli Stati Uniti divenendo rapidamente il baritono di punta del teatro Metropolitan, dove si esibì per vent'anni, dal 1915 al 1935, ritornando poi per un breve periodo fra il 1939 ed il 1940. Dopo il ritiro dalle scene insegnò alla Juilliard School.

De Luca è noto anche per aver creato i due ruoli di Sharpless in Madama Butterfly (Teatro alla Scala, 1904) e Gianni Schicchi (Metropolitan, 1918), oltre ai personaggi del Marchese in Griselide, Michonnet in Adriana Lecouvreur, Gleby in Siberia (1903), Sancho Panza in Don Quichotte.

Arturo Toscanini disse di lui, "assolutamente il miglior baritono che abbia mai conosciuto"[1]. Spaziò dal genere buffo al bel canto ottocentesco, fino a Verdi, con una breve escursione agli inizi della carriera nel repertorio wagneriano.

La sua arte è documentata da numerose registrazioni fonografiche realizzate dalle etichette Fonotpia e Victor. In alcune di esse cantò con altri grandi interpreti del Metropolitan del tempo, come Enrico Caruso e Rosa Ponselle.

Di proporzioni fisiche minute, la voce non era molto potente, ma di timbro eccezionalmente bello e pastoso, in particolare nel registro mediano. Era considerato un maestro nell'esecuzione del legato. Fu anche un ottimo attore, specialmente nei ruoli comici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giudizio di Toscanini su De Luca

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael Kennedy (a cura di), The Concise Oxford Dictionary of Music, 3rd, London, 1980.
  • Michael Scott, The Record of Singing, London, 1977.
  • J.B. Steane, The Grand Tradition: 70 years of Singing on Record, London, 1974.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN14958002 · LCCN: (ENn78095481 · ISNI: (EN0000 0000 8094 4159 · GND: (DE120557614 · BNF: (FRcb13893138h (data)