Giuseppe De Lorenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe De Lorenzo
De Lorenzo Giuseppe.gif

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 24/11/1913 –
18/01/1945
Gruppo
parlamentare
non ascritto a gruppi
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio Laurea in scienze naturali
Università Università di Napoli
Professione Docente universitario

Giuseppe De Lorenzo (Lagonegro, 24 aprile 1871Napoli, 27 giugno 1957) è stato un geografo, geologo e politico italiano, docente presso l'Università di Napoli. Si occupò anche di indologia e divulgò in Italia la conoscenza del Buddhismo. Fu socio dell'Accademia Nazionale dei Lincei e membro della Geological Society of London[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi nel 1894 all'Università di Napoli in Scienze naturali, fu prima assistente di geologia poi nel 1897 divenne libero docente in Geologia e Paleontologia. Nel 1905 ha la cattedrale di Geologia per l'Università di Catania dove vi insegnò per soli due anni.

Nel 1907 viene chiamato dall'Università di Napoli dove tenne in un primo momento la cattedra di Geografia Fisica, poi quella di Geologia che occupò fino al suo congedo per limiti d'età nel 1941.

Nel 1913 fu nominato, in virtù dei suoi meriti scientifici, senatore per la 18ª categoria.[1] Nell'agosto 1944 venne incluso nell'elenco dei "Senatori ritenuti responsabili di aver mantenuto il fascismo e resa possibile la guerra sia coi loro voti, sia con azioni individuali, tra cui la propaganda esercitata fuori e dentro il Senato" e deferito all'Alta Corte di Giustizia per le sanzioni contro il Fascismo che, il 30 agosto 1945, ne ordinò la decadenza dalla carica di senatore.[2]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 15 gennaio 1912
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
— 6 giugno 1918

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Le montagne mesozoiche di Lagonegro, 1894.
  • Studi di geologia nell'Appennino meridionale, 1896.
  • Geologia e geografia fisica dell'Italia meridionale, 1904.
  • India e buddhismo antico, 1904.
  • Terra madre, 1907.
  • La terra e l'uomo, 1919.
  • L'Elephas antiquus nell'Italia meridionale, 1927.
  • Oriente ed occidente, 1931.
  • Morale buddhista, Padova, Edizioni di Ar, 2014.
  • Leopardi e Schopenhauer, Padova, Edizioni di Ar, 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bruno Accordi, DE LORENZO, Giuseppe, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 38, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1990.
  2. ^ Scheda senatore DE LORENZO Giuseppe, su Senato della Repubblica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. D'Erasmo, La vulcanologia nell'opera di Giuseppe de Lorenzo, in Bull. vulc. ital., s. 2, XIX (1958), pp. 203-20
  • G. D'Erasmo, Il vulcanismo meridionale nell'opera di Giuseppe de Lorenzo, in Ann. d. Osserv. Vesuviano, s. 6, III (1959), pp. 2-23
  • F. Ippolito, L'uomo e lo scienziato Giuseppe de Lorenzo attraverso talune sue lettere inedite a F. Bassani, in Atti d. Acc. Pontaniana, n. s., XX (1971), pp. 1-20.
  • A. Salvati , Giuseppe de Lorenzo e il buddhismo - Orientexpress (2017)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe De Lorenzo, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 18 maggio 2012.
Controllo di autorità VIAF: (EN120729222 · LCCN: (ENn93068707 · SBN: IT\ICCU\CFIV\002276 · ISNI: (EN0000 0000 8189 443X · GND: (DE117682977 · BNF: (FRcb12255209p (data) · BAV: ADV12574199