Giuseppe Cino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Prospetto del Seminario di Lecce

Giuseppe Cino (Lecce, 15 giugno 1645Lecce, aprile 1722) è stato un architetto e scultore italiano. Fu uno dei massimi esponenti del Barocco leccese.

Facciata della Chiesa di Santa Chiara

Discendente dalla famiglia nobiliare dei Cino, contribuì alla diffusione dello stile barocco anche fuori dall'Urbe.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

A Lecce progettò, a partire dalla metà del XVII secolo (e continuando sulla ricerca stilistica di Giuseppe Zimbalo), la chiesa di Santa Chiara, il cui disegno gli è stato attribuito.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di Santa Chiara (Lecce).

Alla prima metà del XVIII secolo risalgono anche la chiesa delle Alcantarine e la chiesa del Carmine, sulle quali lavorò fino alla sua morte. Successe allo Zimbalo nell'edificazione del Palazzo dei Celestini alla fine del Seicento e tra il 1694 e il 1709 progettò il Seminario su commissione di Antonio Pignatelli, all'epoca vescovo di Lecce.

Attivo anche al di fuori del principale centro salentino, il Cino è il probabile autore della Chiesa di Sant'Anna (1683-1699) a Mesagne (BR).

Fu autore di Memorie, libro di trattazione cronistica su fatti accaduti dal 1656 al 1719 a Lecce.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96681319 · ULAN (EN500186511 · WorldCat Identities (EN96681319