Giuseppe Casale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Casale
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Titolo Foggia-Bovino
Incarichi attuali Arcivescovo emerito di Foggia-Bovino
Incarichi ricoperti Vescovo di Vallo della Lucania
Arcivescovo metropolita di Foggia-Bovino
Nato 28 settembre 1923 a Trani
Consacrato vescovo 8 dicembre 1974 dal cardinale Sebastiano Baggio
Elevato arcivescovo 7 maggio 1988

Giuseppe Casale (Trani, 28 settembre 1923) è un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Teologia presso la facoltà "San Luigi" di Napoli, è stato ordinato sacerdote il 3 febbraio 1946.[1] Dal 1949 al 1953 insegnò storia ecclesiastica e civile presso i seminari regionali di Chieti e di Molfetta, e dal 1955 al 1964 fu vice-assistente nazionale della Gioventù Italiana di Azione Cattolica.[1] Negli anni sessanta si avvicinò alla pastorale del lavoro, prima nell'ambito del Movimento degli Artigiani Cristiani, di cui fu consulente ecclesiastico nazionale, e poi nel Gruppo Sacerdotale Nazionale per la Pastorale del Mondo del Lavoro, per il quale si occupò di prevalentemente di formazione professionale. È esperto di catechesi, ed è stato autore di numerose pubblicazioni per l'insegnamento della religiose cattolica nelle scuole e per l'Azione Cattolica ed è stato membro del Consiglio dell'Ufficio Catechistico Nazionale e del gruppo che preparò il nuovo Catechismo dei Giovani.[1]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 ottobre 1974 papa Paolo VI lo elesse vescovo di Vallo della Lucania: ricevette l'ordinazione episcopale l'8 dicembre 1974, consacrante il cardinale Sebastiano Baggio, co-consacranti il vescovo Gaetano Pollio, P.I.M.E., e l'arcivescovo Giuseppe Carata. Giornalista pubblicista dal 1959, da vescovo di Vallo della Lucania Casale collaborò intensamente con alcune testate giornalistiche, in particolare Avvenire e Il Mattino, per il quale teneva la rubrica domenicale "I passi e il destino".[1] Nel 1988 fu tra i fondatori del Centro studi sulle nuove religioni, che si proponeva di studiare il pluralismo religioso e l'insorgenza di nuovi fenomeni religiosi, presso il quale è tuttora presidente onorario.

Dopo oltre tredici anni di ministero episcopale nella piccola diocesi campana, il 7 maggio 1988 venne nominato arcivescovo metropolita di Foggia-Bovino. Il 29 settembre 1991 ha presieduto l'ordinazione episcopale del vescovo Mario Paciello. Al compimento dei 75 anni, rassegnò le dimissioni per raggiunti limiti d'età, che vennero accolte il 27 maggio 1999. In seguito ha conservato il titolo di arcivescovo emerito di Foggia-Bovino.

Pensiero[modifica | modifica wikitesto]

L'episcopato foggiano di monsignor Casale è stato contraddistinto sin dall'inizio per l'attenzione alla giustizia sociale e per l'opposizione al dilagare della malavita organizzata.[1] I suoi numerosi interventi nel dibattito pubblico, anche al di fuori della materia ecclesiale, gli hanno assicurato una visibilità che travalicava i confini della diocesi e che gli ha dato fama di vescovo progressista.

Anche da vescovo emerito ha continuato ad intervenire nel dibattito pubblico: a suo avviso "la Chiesa patisce troppo la sua incapacità di dialogare con il mondo moderno: mentre un tempo è stata guidata dalle riforme del Concilio Vaticano II, ora ci difendiamo"[2] quando invece "occorre rompere questa mentalità e aprire il dibattito, pensando che la Chiesa non dovrebbe difendere il vecchio, ma il nuovo che è Gesù".[2] Nel solco di questa posizione, Casale ha auspicato una maggiore collegialità nella Chiesa e, in materia di pastorale ha proposto la nomina di donne cardinale[3], e mostrato aperture sui temi dell'eutanasia[4] e dell'accoglienza degli omosessuali nella Chiesa.[2][5]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Per riformare la Chiesa. Appunti per una stagione conciliare, Edizioni La Meridiana, 2010

Lettere pastorali[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Signore ha visitato e redento il suo popolo. Vallo della Lucania (1984)
  • Colui che è tra noi. Vallo della Lucania (1986)
  • Comunione e missione. Foggia (1988)
  • Da cristiani nella Città. Foggia (1990)
  • Ricevete lo Spirito Santo e siate forti nella Fede. Foggia (1990)
  • Guai a me se non annunzio Cristo. Foggia (1991).
  • Nuova religiosità e nuova evangelizzazione. Foggia (1993)
  • Famiglia, comunità evangelizzante. Foggia (1994)
  • La Chiesa di Foggia-Bovino in cammino verso il 2000. Foggia (1995)
  • Bagliori di Fuoco. Foggia (1998)
  • Lo vide e gli corse incontro. Foggia (1998)

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Scheda biografica dell'arcivescovo Giuseppe Casale, su Arcidiocesi di Foggia-Bovino. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  2. ^ a b c Agostino Del Vecchio, "Il Vaticano ha paura di affrontare le critiche": parola di Mons. Casale, in Stato quotidiano, 9 luglio 2010. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  3. ^ Casale, vescovo di Foggia: "Sì alle donne cardinale", in Corriere della Sera, 1 novembre 1996. URL consultato il 7 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il ).
  4. ^ Franca Giansoldati, Vescovo Casale: «La sua vita non è piena, inutile accanirsi», in Il Messaggero, 15 novembre 2008. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  5. ^ Davide Gangale, Monsignor Casale: «L'omosessualità è ricchezza», in Lettera43, 6 ottobre 2015. URL consultato il 7 ottobre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Vallo della Lucania Successore BishopCoA PioM.svg
Biagio d'Agostino 26 ottobre 1974 - 7 maggio 1988 Giuseppe Rocco Favale
Predecessore Arcivescovo di Foggia-Bovino Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Salvatore De Giorgi 7 maggio 1988 - 27 maggio 1999 Domenico Umberto D'Ambrosio
Controllo di autorità VIAF: (EN232924504 · SBN: IT\ICCU\CFIV\232974