Giuseppe Burzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Burzio
arcivescovo della Chiesa cattolica
Template-Archbishop.svg
 
Incarichi ricoperti
  • nunzio apostolico a Cuba (1950-1955)
  • Arcivescovo di Gortyna (1946)
 
Nato1901 a Cambiano
Ordinato presbitero1924
Deceduto1966
 

Giuseppe Burzio (Cambiano, 19011966) è stato un arcivescovo cattolico italiano, diplomatico del Vaticano[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ordinato nel 1924[1], frequentò l'Accademia Pontificia Ecclesiastica nel 1926 e fu incaricato del servizio diplomatico della Santa Sede nel 1929 quando fu inviato in Perù come Segretario di 2ª classe. Successivamente prestò servizio in Cecoslovacchia come revisore dei conti (1935-1938), e come incaricato d'affari in Lituania (1938-1940), prima di essere inviato in Slovacchia nel 1940 come incaricato d'affari, sotto il regime slovacco di Jozef Tiso.[2] Papa Pio XII nominò Burzio per esercitare pressioni sul governo slovacco; Burzio informò il papa del peggioramento della situazione per gli ebrei nello stato fantoccio nazista, scatenando le proteste vaticane in favore degli ebrei[3], facendo anche pressioni dirette sul governo slovacco.[4]

Nel 1942 Burzio e altri riferirono a Tiso che i tedeschi stavano uccidendo gli ebrei deportati della Slovacchia. Tiso esitò inizialmente, ma poi si rifiutò di deportare i 24.000 ebrei rimasti in Slovacchia.[5] Quando la deportazione iniziò di nuovo nel 1943, Burzio sfidò il primo ministro Tuka sullo sterminio degli ebrei slovacchi. Il Vaticano condannò il rinnovo delle deportazioni il 5 maggio e l'episcopato slovacco emise una lettera pastorale in cui condannava il totalitarismo e l'antisemitismo l'8 maggio 1943.[2]

Nell'agosto 1944, la rivolta nazionale slovacca insorse contro il regime del Partito popolare. Le truppe tedesche furono inviate per sedare la ribellione e con loro arrivò la polizia di sicurezza incaricata di radunare gli ebrei rimasti in Slovacchia.[6] Burzio ha pregato Tiso direttamente di risparmiare almeno agli ebrei cattolici il viaggio e ha lanciato un ammonimento del Papa: "L'ingiustizia operata dal suo governo è dannosa per il prestigio del suo paese e i nemici la sfrutteranno per screditare il clero e la Chiesa in tutto il mondo."[2]

Dopo la guerra, fu ordinato arcivescovo titolare di Gortyna nel 1946. Fu nominato nunzio apostolico a Cuba nel 1950 e rassegnò le dimissioni nel 1955.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Archbishop Giuseppe Burzio, su catholic-hierarchy.org.
  2. ^ a b c Livia Rothkirchen, The Churches and the Deportation and Persecution of Jews in Slovakia (PDF), Yad Vashem.
  3. ^ Michael Phayer, The Catholic Church and the Holocaust, 1930–1965, Indiana University Press, 2000, p. 88, ISBN 9780253214713.
  4. ^ Phayer, p. 89.
  5. ^ The Holocaust in Slovakia, the United States Holocaust Memorial Museum.
  6. ^ ushmm.org, http://www.ushmm.org/wlc/en/article.php?ModuleId=10007324.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88821500 · ISNI (EN0000 0000 6233 5616 · GND (DE1065078358