Giuseppe Boni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Boni (Carrara, 18841936) è stato un architetto italiano.

Laureato nel 1910 in architettura civile al Politecnico di Milano, il Boni ricoprì nella sua vita professionale diversi incarichi, fra i quali Presidente della Commissione Ufficiale Italiana al Congresso Internazionale di Architettura a Londra (1924); Membro della Commissione Edilizia del Governatorato di Roma (1928); Membro per l'Italia del Comitato Internazionale degli Architetti a Parigi (1928); Membro della Commissione Ufficiale Italiana al Congresso Internazionale di Architettura a Budapest (1930); Vice Segretario Nazionale dei Sindacati Fascisti Architetti.

Fra i suoi lavori si ricordino:

  • la cappella Origgi, Cimitero Monumentale di Milano, 1909; la cappella Lamperti, nel medesimo luogo
  • la Gabbia del Pozzo Scotti, Salsomaggiore, 1912[1]
  • il Padiglione Ufficiale Italiano alla Esposizione Internazionale di Arte Grafica e del Libro, Lipsia (Germania), 1914
  • il Monumento ad Antonio Maceo - L'Avana (Cuba), 1915
  • il Villino Scarlatti in Via Cassia, Roma, 1929
  • la Casa del Balilla di Carrara, 1929
  • la Fontana monumentale dedicata a Marco Polo, Tientsin, (Cina)
  • il Palazzo Poste e Telegrafi, Carrara, 1933
  • il Collegio Regina Elena, Sansepolcro, 1935
  • il Collegio Nautico IV Novembre, Lido di Roma, 1936
  • la Chiesa del Parco del Collegio IV Novembre, Lido di Roma, 1936

Fu inoltre autore di due pubblicazioni sull'architettura: L'Architettura della Rinascenza (1921) e Della Composizione (1925).

Conseguì anche i titoli accademici di Membro Onorario della Reale Accademia di Belle Arti di Bologna (1910), Brera (1912), Carrara (1912) e Firenze (1926) e di Accademico di Merito della Reale Insigne Accademia di San Luca a Roma (1930).[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gabbia del Pozzo Scotti, su Salsomaggiore Terme turismo, http://www.visitsalsomaggiore.it.
  2. ^ Roberto Gruppo, Giuseppe Boni, su Le Date della Storia di Ostia, http://www.grupponline.it (archiviato dall'url originale il 4 febbraio 2012).