Giuseppe Argentesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Argentesi
Giuseppe Argentesi.jpg
Giuseppe Argentesi con la maglia del Brescia (1988)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Martina (vice)
Ritirato 2006 - giocatore
Carriera
Giovanili
Torino
Squadre di club1
1984-1985 Torino 0 (0)
1985-1986 Campobasso 31 (0)
1986-1989 Brescia 89 (3)
1989-1991 Pisa 61 (0)
1991-1992 Mantova 18 (0)
1992-1995 Prato 60 (2)
1995-1996 Alessandria 30 (0)
1996-1997 Ponsacco 29 (1)
1997-1998 Pro Vercelli 30 (1)
1998-2000 Prato 52 (4)
2000-2001 Viareggio 16 (1)
2001 Castelfiorentino 10 (2)
2001-2004 Fortis Juventus 81 (4)
2004-2006 Sangimignano ? (?)
Carriera da allenatore
2006 AS Sestese
2007-2009 Lanciotto Campi Bisenzio
2010-2011 Atletico Roma (vice)
2012-2014 Bianco e Verde.svg Brandizzo
2014-2015 Bianco e Blu.svg Volpiano
2015- Martina (vice)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 3 dicembre 2014

Giuseppe Argentesi (Chivasso, 12 agosto 1965) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

È stato un difensore (per la precisione rivestiva il ruolo di libero) che, dopo essere cresciuto nel Torino, con la cui Primavera ha vinto il Torneo di Viareggio nelle stagioni 1983-1984 e 1984-1985, oltre ad uno scudetto ed a una Coppa Italia di categoria, ha poi militato in serie B ed in serie A nel Brescia, nel Pisa e nel Mantova tra la fine degli anni Ottanta e l'inizio degli anni Novanta. Fece l'esordio in Serie A il 19 ottobre 1986 nella partita Brescia-Udinese (1-0) in cui segnò anche la sua prima rete in massima serie[1].

Dal 1991 è stato un lungo peregrinare per i campi della Serie C, tra cui quelli del Prato, dell'Alessandria, del Ponsacco, della Pro Vercelli e del Viareggio.

Nel 2001 abbandona il calcio professionistico, giocando in Serie D ancora per quattro stagioni con le maglie di Castelfiorentino e di Fortis Juventus, prima di concludere nel 2006 in Eccellenza con il Sangimignano.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo il ritiro ha intrapreso la carriera da allenatore alla guida della Sestese: la sua avventura dura però pochi mesi dopo i quali viene esonerato. La stagione seguente è assunto dal Lanciotto Campi Bisenzio dove rimane per una stagione e mezza, fino al gennaio 2009 quando consensualmente il club e l'allenatore decidono di porre termine al rapporto. Nel 2010 è vice di Giuseppe Incocciati sulla panchina dell'Atletico Roma in Prima Divisione (ex-Serie C1). Nell'autunno 2012 si riavvicina alla sua terra natale e subentra sulla panchina del Brandizzo nel girone B della Promozione Piemonte e Valle d'Aosta. Dopo due stagioni, nelle quali ottiene tranquille salvezze sfiorando poi la zona play off, sale di categoria ingaggiato dal Volpiano in Eccellenza per la stagione 2014-2015. La squadra, neo promossa, si salva con svariate giornate d'anticipo sulla fine del campionato. Il 1º settembre 2015 torna a collaborare con Incocciati, subentrato sulla panchina del Martina Franca nel girone C di Lega Pro, nel ruolo di vice allenatore della formazione pugliese. Dal settembre 2016 allena la categoria "Esordienti B" professionisti del Tuttocuoio.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sangimignano: 2004-2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RSSF campionato italiano 86-87, su rsssf.com. URL consultato il 6 giugno 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tutto il Brescia 1911-2007, Tremila volte in campo. Marco Bencivenga, Ciro Corradini e Carlo Fontanelli. Geo Edizioni, 2007. pp. 332–345.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]