Giuseppe Abbamonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Abbamonte (Napoli, 17 marzo 1923Napoli, 13 dicembre 2016[1]) è stato un giurista italiano, esperto di diritto amministrativo.

« Ai giovani dico: tornate a leggere gli atti processuali.[2] »

Giuseppe Abbamonte.jpg

Avvocato cassazionista e professore ordinario fuori ruolo di Diritto amministrativo, Diritto finanziario e costituzionale all'Università degli Studi di Napoli Federico II, ha partecipato a molti dei più importanti processi nel settore del diritto amministrativo e costituzionale che si sono tenuti negli ultimi anni in Italia[3].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Precedentemente alla cattedra universitaria, aveva ricoperto anche la carica di magistrato ordinario[4]: "fu notato (....) da Carlo Maria Jaccarino, che lo avviò a una brillante carriera accademica (trascorsa prima a Macerata, poi a Bari, quindi a Napoli) alla quale Abbamonte annodò strettamente quella forense"[5].

Nel 1987 gli fu conferito il premio «Aldo Sandulli». Nel 2014 gli è stato conferito il premio «Magister in Mediation» al Senato della Repubblica, durante il IX Forum Nazionale dei Mediatori. Nel 2015 è stato consegnato alla Presidenza del Consiglio, al Ministero dell’Interno ed al Ministero per gli affari regionali un parere legale a firma congiunta degli Avv.ti Giuseppe Abbamonte e Pietro Rescigno che motiva le ragioni di inapplicabilità della legge Severino nei confronti del neo Governatore della Campania on. Vincenzo De Luca[6].

È stato presidente della Società Italiana degli Avvocati amministrativisti e docente all'Accademia Pontaniana. È stato membro del Comitato scientifico della rivista "istituzioni e imprese" e nel Comitato scientifico rivista internet www.giustamm.it. È stato presidente della commissione del premio internazionale "Sebetia-Ter".

È scomparso il 13 dicembre 2016, nella sua abitazione napoletana, all'età di 93 anni.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Voce Comitato di liberazione nazionale in Novissimo Digesto It., Torino, 1959
  • Stato ed economia nell'ordinamento costituzionale italiano, in Giust.civ. 1960
  • Il processo costituzionale italiano, Napoli, 1961
  • Principi di diritto finanziario, Liguori editore, 1978
  • Programmazione e amministrazione per settori organici, Liguori, 1982
  • Sorvegliare il potere? Dialogo di inizio millennio tra cittadino e amministrazione, Edizioni Scientifiche Italiane, 2001
  • Difesa dello avvocato Giuseppe Abbamonte rappresentante il prof. Catello Fusco (parte civile) contro Paolo Conte..., Nabu Press, 2011
  • (coautore) Presente e futuro nella pianificazione urbanistica, redatto con gli Atti del II convegno, Napoli, 16/17 ottobre 1998;
  • (coautore) Scritti in memoria di Livio Paladin, Jovene editore
  • (coautore) Giustizia amministrativa, seconda ed. CEDAM, Padova

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto Giuseppe Abbamonte docente e giurista. URL consultato il 13 dicembre 2016.
  2. ^ Consiglio Nazionale Forense, l professor Giuseppe Abbamonte, emerito di diritto amministrativo e decano dell’Avvocatura, su consiglionazionaleforense.it.
  3. ^ Prof. Avv. Giuseppe Abbamonte, emerito di diritto amministrativo, su studiolegaleabbamonte.it.
  4. ^ Abbamonte Prof. Avv. Giuseppe Studio Legale, su studiolegaleabbamonte.it.
  5. ^ Il ricordo di Luigi Labruna, 14 dicembre 2016, Il Mattino.
  6. ^ Prof. Avv. Giuseppe Abbamonte e del Prof. Avv. Pietro Rescigno, Parere sull'incidenza della condanna di primo grado per abuso d'ufficio sull'elezione a presidente della giunta regionale dell'on. Vincenzo De luca (PDF), su cambiareora.it.
Controllo di autoritàVIAF: (EN60521501 · ISNI: (EN0000 0000 2537 3461 · SBN: IT\ICCU\CFIV\094547 · BNF: (FRcb12378068z (data)