Giuramento (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuramento
Mario Merola - Giuramento.jpg
Mario Merola in una scena del film
Paese di produzioneItalia
Anno1982
Durata116 min
Generedrammatico, musicale
RegiaAlfonso Brescia
SoggettoFrancesco Calabrese
SceneggiaturaPiero Regnoli e Alfonso Brescia
ProduttoreFrancesco Calabrese
Produttore esecutivoFrancesco Calabrese
Casa di produzioneGloria Cinematografica
Distribuzione in italianoGloria Cinematografica
FotografiaSilvio Fraschetti
MontaggioCarlo Broglio
Effetti specialiMoviecam 2000
MusicheEduardo Alfieri
ScenografiaFrancesco Calabrese
CostumiDitta Ferroni
TruccoStefania Trani
Interpreti e personaggi

Giuramento è un film drammatico del 1982 diretto da Alfonso Brescia. È l'ultimo film di Mario Merola girato da Brescia.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Napoli. A causa delle disastrose condizioni economiche in cui versano, Salvatore e Concetta non si possono sposare, né possono far operare la madre di lei per la sua cecità. Per sopperire alla necessità, la donna decide di partire con il fratello minore Nino alla volta degli Stati Uniti, per andare a chiedere aiuto economico ad una ricca zia. Prima di partire Concetta giura eterna fedeltà a Salvatore; ma dopo un po' di tempo l'uomo non ha più notizie di lei. Decide quindi di partire a sua volta per l'America, dove scopre che Concetta non ha rispettato il patto, sposandosi con un boss mafioso.

Appena giunto in America, Salvatore fa amicizia con un Pulcinella, un attore che fa spettacoli per le facoltose famiglie italoamericane, tra le quali anche quella del boss marito di Concetta. Pulcinella vede in Salvatore un gran talento canoro, e lo invita a seguirlo. Salvatore accetta, e qui scopre che Concetta fu costretta a sposare il boss, e che lo ama ancora. Intanto uno scagnozzo del boss sente tutto, e avvisa il boss della vita passata di Concetta. Il boss geloso decide che Salvatore deve morire, ma intanto Salvatore e Concetta avevano progettato la fuga a Napoli, dirigendosi al porto di Brooklyn. Proprio sul molo vengono raggiunti dal boss, che ordina a un suo scagnozzo di sparare a Salvatore, ma viene fermato da Pulcinella, che li aveva seguiti.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La scena comica in cui Mario Merola fa la barba ad Enzo Cannavale, è stata improvvisata tutta da Merola, in quanto non era prevista dal copione.[1] Lo schiaffo che Mario Merola dà a Ricky, il guardaspalle di Frank Geraci è uno schiaffo vero.[2]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  • Serenata smargiassa (E. A. Mario - V. Iannuzzi) cantata da Mario Merola
  • Santa Lucia Luntana (E. A. Mario) cantata da Mario Merola
  • Tu ca nun chiagne (E. De Curtis - Bovio) cantata da Mario Merola
  • Vierno (Acampora - De Gregorio) cantata da Mario Merola
  • Giuramento (Vian - Russo) cantata da Mario Merola
  • Vattenne va (D'Angelo - De Paolis - D'Angelo) cantata da Nino D'Angelo
  • Stasera si' chiu bella (D'Angelo - Casaburi - Bevilacqua) cantata da Nino D'Angelo
  • Palummella (Ignoto) cantata da Nino D'angelo
  • Cartulina 'e Napule (Bergamini - Lucatelli) cantata da Pamela Paris
  • Nonna nonna a 'na pupata (V. De Crescenzo - A. Visco) cantata da Gloriana

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Segnocinema scrive del film: «Sceneggiata di pretto gusto partenopeo, Giuramento è senza infamia e senza lode».[senza fonte] Segnalazioni Cinematografiche afferma che «il film è molto più vario di situazioni e di incontri di quanto potrebbe sembrare [...] ci sono tutti gli ingredienti della sceneggiata napoletana, dalla ricchezza dei sentimenti ardenti dei personaggi alla religiosità popolare, dalla proverbiale bontà del cuore alla vivacità e spontaneità degli atteggiamenti. Tutto viene abbondantemente condito con suoni e canti napoletani, che vengono offerti con profusione e generosità.»[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Merola e Geo Noccketti, 2005Dicono di lui.
  2. ^ Mario Merola e Geo Noccketti, 2005.
  3. ^ Segnalazioni Cinematografiche, vol. 94, 1983.
  4. ^ Giuramento, su comingsoon.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Merola e Geo Nocchetti, Dicono di lui, in Napoli solo andata... il mio lungo viaggio, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema