Giunta Nazionale di Zitacuaro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Murales a Zitácuaro, dond
Bandiera in segno di lutto per la morte di Hidalgo

La Giunta di Zitácuaro fu un consiglio convocato da Ignacio López Rayón a Zitácuaro. L'obbiettivo della giunta era quello di istituire un organo di governo per la nazione messicana, visto che non riconosceva il governo della Nuova Spagna a causa dell'invasione francese in Spagna.

La giunta venne istituita il 19 agosto 1811. Fecero parte di questa giunta, tra gli altri José María Morelos y Pavón, José María Liceaga e il curato José Sixto Verduzco e lo stesso López Rayón. I tre ultimi furono nominati dalla giunta. Ignacio López Rayón fu eletto ministro universale della Nazione e presidente della Suprema Corte. Poco dopo lo stesso incarico sarà dato dalla giunta a Morelos.

Il 2 gennaio 1812, la giunta fu espulsa da Zitácuaro dall'esercito spagnolo capitanato da Calleja. Da lì venne traslocata a Sultepec, dove produsse alcuni documenti.

La giunta di Zitacuaro esercitava l'amministrazione delle città sotto il suo dominio e in teoria nominava le autorità locali. Comunque quest'ultimo compito ricadeva sui capi militari che avevano conquistato la città.

A causa della cattiva amministrazione, l'autorità della giunta rimase ristretta e quasi tutti i suoi componenti lavoravano come meglio credevano. L'incapacità di estendere la propria influenza unita ad alcune sconfitte militari portarono alla destituzione della giunta che venne sostituita dal Congresso di Chilpancingo.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]