Giulio Iacchetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2001
Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 2014

Giulio Iacchetti (Castelleone, 20 ottobre 1966) è un designer italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giulio Iacchetti si occupa di industrial design a partire dal 1992[1].

Assieme a Matteo Ragni, nel 2000 progetta la posata Moscardino per Pandora Design, che viene insignita del Premio Compasso d'oro[2] ed entra nella collezione del MoMA di New York[1].

Per Sambonet progetta le posate Duetto (2003) ed Elba (2015)[3]. Per Alessi sviluppa il tagliacarte Uselen (2011)[2] e la collezione vino Noè (2014)[4]. Cura inoltre la direzione artistica di aziende quali iB rubinetterie, ceramica Globo e il Coccio Design[1].

Per il progetto Eureka Coop, realizzato per Coop Italia, nel 2009 riceve il Premio dei Premi per l’innovazione conferitogli dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano[2].

Nel 2009 la Triennale di Milano gli dedica la mostra Giulio Iacchetti - Oggetti disobbedienti[5], mentre nel 2011 cura la mostra Cruciale per il Museo Diocesano di Milano[1].

Da sempre attento all’evoluzione del rapporto tra realtà artigiana e design, nel novembre 2012 lancia Internoitaliano[6], la “fabbrica diffusa” fatta di tanti laboratori artigiani con i quali firma e produce arredi e complementi ispirati al fare e al modo di abitare italiani.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Cruciale. 20 croci di Giulio Iacchetti, Abitare, 6 aprile 2011. URL consultato il 2 aprile 2015.
  2. ^ a b c d Valentina Galleri, Giulio Iacchetti: «Così ho fatto Uselen», la Repubblica, 2 febbraio 2011. URL consultato il 2 aprile 2015.
  3. ^ Homi: anteprima delle novità della casa, Corriere della Sera, 16 gennaio 2015. URL consultato il 2 aprile 2015.
  4. ^ Giulio Iacchetti: Noè, Domus, 22 gennaio 2014. URL consultato il 2 aprile 2015.
  5. ^ Francesca Picchi, Giulio Iachetti - Oggetti disobbedienti, Triennale di Milano, maggio 2009. URL consultato il 2 aprile 2015.
  6. ^ Internoitaliano, artigianato made in italy e design d'autore Giulio Iacchetti, su www.internoitaliano.com. URL consultato il 24 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN65057749 · LCCN: (ENnr2004010872 · SBN: IT\ICCU\PARV\367082 · GND: (DE128383747 · BNF: (FRcb16975855p (data)