Giulio Ciacci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giulio Ciacci
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Firenze
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1969-1977 Serie A e B Arbitro
Attività internazionale
1975-1977 UEFA e FIFA Arbitro

Giulio Ciacci (Napoli, 25 settembre 1933San Casciano Val di Pesa, 17 gennaio 2017) è stato un arbitro di calcio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Affiliato alla sezione AIA di Firenze, ha diretto 67 partite di serie A e 79 in serie B[1]. Esordì nella massima categoria nel 1971 in occasione della partita Napoli-Bologna. Divenne arbitro internazionale nel 1974, prima della dismissione dai ruoli nel 1978[2].

Nella carriera sui campi ha diretto diverse "classiche" del campionato italiano (Juventus-Inter del 1974-1975, derby della Mole del 1975-1976, Juventus-Milan, Juventus-Roma e il derby di Roma del 1977-1978); all'estero, vanta le partecipazioni alle fasi finali degli Europei Under 18 del 1975 e del 1977, ed ha svolto le funzioni di guardalinee di Sergio Gonella in occasione della finale di andata di Supercoppa UEFA nel 1975 tra Bayern Monaco e Dinamo Kiev. Inoltre, il primo ottobre 1975 dirige, davanti a 50 000 spettatori, la gara di ritorno del primo turno di Coppa dei Campioni tra la Dinamo Bucuresti e il Real Madrid (1-0).

A livello di nazionali, il 24 marzo 1976 gli venne affidata una gara di qualificazione per il torneo olimpico di Montrèal 1976 tra l'Austria e la Germania Est. Con una terna formata anche dal pistoiese Giancarlo Redini e dal livornese Fernando Tani, la gara si giocò a Vienna e vide il successo dei tedeschi orientali per 2 a 0.

Nel campionato 1975-1976 (11 gennaio 1976) dovette sospendere la partita Sampdoria-Inter (1-2) a causa dell'aggressione subita da parte di un tifoso locale a seguito dell'annullamento di una rete segnata nei minuti finali dai padroni di casa.[3].

Come dirigente arbitrale, ha fatto parte della commissione arbitri interregionale nel 1984-1985[4], è stato osservatore degli arbitri di CAN A e B, ed ha ricoperto il ruolo di rappresentante AIA presso il Giudice Sportivo della Lega Pro fino al 2016[5].

È deceduto la mattina del 17 gennaio 2017 a San Casciano Val di Pesa all'età di 83 anni.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calcio-seriea.net.
  2. ^ 10 luglio 1978: Rivoluzione tra gli arbitri (Stampa Sera).
  3. ^ 12 gennaio 1976 (Stampa Sera).
  4. ^ Un lutto nel calcio, è deceduto Giulio Ciacci. URL consultato il 17 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2017).
  5. ^ La Lega Pro ricorda Giulio Ciacci.
  6. ^ Un lutto nel calcio, è deceduto Giulio Ciacci, in stamptoscana.it, 17 gennaio 2017. URL consultato il 25 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio, Modena, Edizioni Panini, varie edizioni.
  • Rivista "L'Arbitro".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]