Giulio Calì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giulio Calì in Campo de' fiori (1943)

Giulio Calì, nome d'arte di Giulio Ferrantini (Roma, 26 marzo 1895Roma, 20 gennaio 1967), è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anni di gavetta nel teatro dialettale e di avanspettacolo, senza riuscire a venir fuori dall'anonimato, non distruggono la volontà e l'entusiasmo di questo impertinente "romano de Roma", saporoso caratterista di grande comunicativa e vivace loquacità.

Il debutto nel cinema è piuttosto oscuro con la partecipazione al film muto Un balilla del '48 di Umberto Paradisi (1927) ma, seppur relegato a ruoli di secondo o terzo piano, talvolta minuscoli, spesso senza che il suo nome appaia su manifesti o nei titoli di testa o coda di una pellicola, Giulio Calì dimostra una volontà di ferro e una tenacia esemplare apparendo in una grande quantità di film dove disegna argutamente figure di portinai, scribacchini, notai, avvocatucci, uscieri, caporali, frequentatori di osterie e molti altri di divertente spontaneità.

Grazie ad Alberto Lattuada che ne intuisce le potenziali doti d'attore, Giulio Calì riesce a uscire dall'anonimato con due ruoli egregi affidatigli dal regista milanese: il contadino Smarazzacucco convinto dell'"unità del proletariato" ne Il mulino del Po (1949) e, soprattutto, il sarto ciarlero e impiccione ne Il cappotto (1952), dove dimostra eccellenti doti da caratterista di lusso, interpretando alla perfezione il personaggio.

Pur continuando a lavorare ininterrottamente per tutti gli anni cinquanta e parte dei sessanta, macinando ruoli su ruoli, in film di routine e di maniera, Giulio Calì trova chi lo capisce e lo valorizza in Lattuada e nel Fellini giovane: nel loro Luci del Varietà il suo fachiro Burma è tra le cose migliori. Intanto continua ad essere richiesto da registi del calibro di Steno, Monicelli, Blasetti, Mattoli, Comencini, De Santis, Zampa e altri.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Giulio Calì in Giorni d'amore (1953)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pino Farinotti, Dizionario dei registi. Tutti i registi e i loro film, Milano, SugarCo, 1993. ISBN 88-7198-259-2.
  • Enrico Lancia e Roberto Poppi, Gli attori, vol. 1: A-L, Roma, Gremese editore, 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN169325354 · ISNI (EN0000 0001 1828 5890 · SBN IT\ICCU\RAVV\344099 · LCCN (ENno2012136916 · GND (DE1124809392 · BNF (FRcb16931789x (data)