Giulio Battistini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giulio Battistini

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature III
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana
Circoscrizione Pisa
Sito istituzionale

Sindaco di Pisa
Durata mandato luglio 1967 –
dicembre 1968
Predecessore Renato Pagni
Successore Fausta Giani Cecchini

Durata mandato giugno 1971 –
luglio 1971
Predecessore Vinicio Bernardini
Successore Elia Lazzari

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in fisica e ingegneria
Professione docente universitario

Giulio Battistini (Pisa, 5 aprile 1912Pisa, 19 febbraio 2004) è stato un docente e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Fisica ed Ingegneria presso la Scuola Normale di Pisa, nel 1935 iniziò la carriera universitaria nella Facoltà di ingegneria di Pisa, tenendo un corso di lezioni di «Misure elettriche».

Richiamato alle armi nel giugno 1940, partecipò alla seconda guerra mondiale nell'allora Regia Marina, come Ufficiale delle Armi Navali.

Nel 1946 fu eletto al Consiglio comunale di Pisa per la Democrazia Cristiana; nel 1958 fu eletto alla Camera, ottenendo oltre 28 mila preferenze[1]. Fu designato relatore di diversi provvedimenti legislativi, tra cui quello riguardante l'istituzione del CNEN.

Tra il 1960 e il 1968 ricoprì la carica di deputato presso il Parlamento europeo e di Presidente della Commissione permanente per la politica dei trasporti; nel 1964 il Governo lo nominò Presidente della Commissione per la sicurezza degli impianti nucleari.

Fu sindaco di Pisa dal luglio 1967 al dicembre 1968 e dal giugno al luglio 1971. Particolarmente impegnativa fu la gestione della crisi provocata dalla chiusura dello stabilimento tessile Marzotto, risolta con l'espropriazione dello stabilimento da parte del Comune.

Tra il 1970 e il 1980 è stato consigliere regionale della Toscana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN90216994 · ISNI (EN0000 0004 1967 6000 · SBN IT\ICCU\IEIV\023969 · WorldCat Identities (EN90216994