Giulio Bartali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giulio Bartali
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
 

Giulio Bartali (Ponte a Ema, 20 ottobre 1916Firenze, 16 giugno 1936) è stato un ciclista su strada italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Fratello minore di Gino, il grande campione di ciclismo degli anni trenta e quaranta, anche Giulio corse in bicicletta, malgrado l'opposizione dei genitori: furono i successi da dilettante del fratello a permettergli di intraprendere quella carriera.

Il 14 giugno 1936, esattamente una settimana dopo la conclusione del primo Giro d'Italia vinto dal fratello, Giulio corse a Firenze la Targa Chiari, gara valida per il campionato regionale dilettanti. Sotto la pioggia battente, sbucò all'improvviso una Balilla nera che lo investì all'altezza del fianco sinistro: si fratturò spalla, bacino e costole. Fu operato d'urgenza. Non riprese conoscenza e spirò il 16 giugno, senza aver compiuto vent'anni. Giulio Bartali oggi riposa nel cimitero di Ponte a Ema, ove è sepolto anche il fratello Gino.

Nel 1959 morì il chirurgo che lo aveva operato. Lasciò una lettera per la madre dei Bartali nella quale confessava di aver commesso un errore irreparabile e di averne quindi causato la morte[1].

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006, la RAI ha prodotto una fiction in due puntate sulla vita di Gino Bartali, intitolata Gino Bartali - L'intramontabile, dove Giulio Bartali è stato interpretato dall'attore Edoardo Gabbriellini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tratto da un articolo pubblicato su sportvintage.it, consultato il 18/11/2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Guglielmi, Gino Bartali: un naso in salita: la sua storia vera (ma piena di bugie), Rai-ERI, Roma 2002. ISBN 8839712011