Giuliano di Sant'Agostino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beato Giuliano di Sant'Agostino

francescano

 
NascitaMedinaceli, 1550 circa
MorteAlcalà , 1606
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione23 maggio 1825
Ricorrenza8 aprile

Giuliano di Sant'Agostino, al secolo Julián Martinet Gutiérrez (Medinaceli, 1550Alcalá de Henares, 8 aprile 1606), è stato un francescano spagnolo dei frati minori osservanti, proclamato beato da papa Leone XII nel 1825.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una famiglia di nobili francesi decaduti, trasferitisi in Spagna al tempo delle guerre di religione, lavorò come sarto e in seguito si fece francescano.

L'estremo rigore della sua vita e le sue dure pratiche di penitenza fecero ritenere ai suoi superiori che fosse mentalmente instabile e non fosse adatto alla vita regolare e fu espulso dal convento.

Anche il suo secondo tentativo di entrare nell'ordine nel convento di Santorcaz fallì per le stesse ragioni. Visse come eremita guadagnandosi fama di santità, il che convinse i frati di Santorcaz ad ammetterlo in convento.

Fu coinvolto nella predicazione delle missioni popolari e fu invitato anche a predicare a corte.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Fu beatificato da papa Leone XII il 23 maggio 1825. Il suo elogio si legge nel Martirologio romano al 8 aprile:

«Ad Alcalá de Henares in Spagna, beato Giuliano di Sant’Agostino, religioso dell’Ordine dei Frati Minori Scalzi, che, ritenuto folle per il suo mirabile spirito di penitenza e più volte allontanato dalla vita religiosa, predicò Cristo più con l’esempio della sua virtù che con le parole.»

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]