Giuliano Boffardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuliano Boffardi

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XI
Gruppo
parlamentare
PRC
Coalizione nessuna
Circoscrizione Liguria
Collegio Genova II
Incarichi parlamentari
4ª Commissione permanente (Difesa), Delegazione parlamentare italiana all'Assemblea dell'Atlantico del Nord
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XII
Gruppo
parlamentare
Rifondazione Comunista, Misto
Coalizione Progressisti
Circoscrizione X Circoscrizione (Liguria)
Collegio V Genova-Varazze
Incarichi parlamentari
Componente della III COMMISSIONE (ESTERI), Componente della COMMISSIONE SPECIALE PER LE POLITICHE COMUNITARIE, Componente della DELEGAZIONE PARLAMENTARE ITALIANA ALL'ASSEMBLEA DELL'ATLANTICO DEL NORD
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito della Rifondazione Comunista
Boffardi, Pertini, Cerofolini

Giuliano Boffardi (Genova, 10 marzo 1946) è un politico e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giuliano Boffardi è nato a Genova, dove risiede, nel marzo del 1946.
Non è sposato e ha due figlie e quattro nipoti. La sua famiglia, di cui hanno fatto parte diversi partigiani combattenti e patrioti, tutti antifascisti ma di orientamento politico diverso (la chiamavano "il CLN") ha visto, in particolare, la presenza, da parte cattolica, di Ines Boffardi, sorella di suo padre, per molti anni parlamentare, sottosegretario alla Presidenza con Andreotti, vice sindaco a Genova e assessore nel Consiglio regionale ligure.
Diplomato presso l'Istituto Tecnico Nautico San Giorgio di Genova ha navigato a bordo della nave scuola, brigantino-goletta ex Belem e a bordo della corvetta Airone della scuola comando di Augusta. Durante il servizio militare ha contratto una seria invalidità per causa di servizio. Congedato ha frequentato quattro mesi un lungo corso presso l'Istituto di studi comunisti di Frattocchie, a Roma ed è diventato dirigente responsabile del partito a Prà e nella val Bisagno. Ha lavorato come educatore o impiegato presso enti privati come Villa Perla, la FITA, la CNA, la Coop Liguria e, per 23 anni presso il Registro Italiano Navale RINA come perito navale. Ha quindi svolto un'intensa e variegata attività di volontariato sociale in sodalizi come la CNA, la Croce Verde Praese, di cui è stato milite e per tre cicli presidente, l'ANDI, dove ha fatto parte della redazione della rivista nazionale, l'AIDO di cui è stato presidente per le sezioni di Prà e Voltri, la FIDCA, Federazione Combattenti Alleati di Voltri, l'AFSAI, sezione italiana dell'IYCE, scambi internazionali di giovani, di cui è stato vice presidente nazionale, la Lega Nazionale Difesa del cane, di cui è stato fondatore e direttore del giornale nazionale.
Alla fine degli anni '60, partecipando a Berlino a un convegno internazionale sulla scuola, ha scritto la musica e le parole di una canzoncina, lanciata dal Canzoniere delle Lame, che è divenuto un motivo molto diffuso dei movimenti post 1968 contro la guerra in Vietnam.
È stato tra i fondatori di sodalizi come Rinascita Vita, per l'assistenza alle persone in coma o post coma, la Gigi Ghirotti Hospice, per il trattamento dei malati terminali, Mondo Verde, per la difesa degli animali e dell'ambiente, CUP Centro Universitario del Ponente, Università della terza età, Coop Villa Perla, per l'assistenza a ragazzi appartenenti a famiglie problematiche, e politico nei quartieri di Sestri e di Prà. Nel Consiglio Circoscrizionale di Prà, dove è stato consigliere e poi presidente per sette anni, nel Consorzio Agrario Genova di cui è stato membro del Comitato Direttivo, nel Consiglio di Amministrazione dell'Ospedale Martinez, nel Consiglio Comunale di Genova, dove è stato eletto per quattro cicli amministrativi e, infine, in Parlamento, dapprima al Senato e poi alla Camera dei Deputati, e nell'Assemblea Parlamentare NATO.
Con i Democratici è stato candidato alle elezioni europee del 1999. Dal 1961 fino al suo scioglimento, preannunciato nel 1989 con la svolta della Bolognina, ha aderito al PCI, poi dal 1991 ha aderito al PRC guidato da Sergio Garavini. Nel 1994 fa parte della Lista dei Progressisti con la quale viene eletto alla Camera dei Deputati. In contrasto con la linea prevalente che faceva capo a Fausto Bertinotti, fino al 1995, assieme a Garavini e Martino Dorigo ha esercitato un ruolo di fronda dimettendosi dal Partito quando ha ritenuto fosse venuto meno il rispetto della libertà da "vincoli di mandato" dei parlamentari. In Parlamento ha fatto parte, senza aderire, dei Comunisti Unitari.
A Genova quando è stato eletto al Senato da consigliere comunale e già candidato sindaco per la sinistra, si è subito dimesso in quanto contrario al cumulo di incarichi pubblici. Nel 1997 a fronte della negazione di un secondo mandato al sindaco di Adriano Sansa, magistrato integerrimo, da parte del centro sinistra, lo ha sostenuto ed è stato il primo degli eletti della Lista "Noi per Sansa" in Consiglio comunale di Genova.
Ha aderito nel 1997 al Partito Socialista, allora SDI, di Boselli e poi di Nencini, e infine al Partito Socialista Italiano, di cui è stato segretario provinciale di Genova.
Ha scritto diverse pubblicazioni di storia locale, di storia della Resistenza e di poesie. Ha iniziato qualche anno fa a scrivere di narrativa con un racconto giunto finalista al concorso nazionale promosso dall'Europeo, dalla Porsche e da Primosic e pubblicato nel 2005. Collabora con la Rivista culturale "Il libro volante". Le sue pubblicazioni sono presenti nelle biblioteche cittadine, e non essendo interessato a finalità commerciali, i loro proventi sono direttamente devoluti a favore del mondo del volontariato onlus.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato:

  • "Praestoria", 2 volumi, sulla storia di Prà
  • "Prà ascurda", 3 volumi, sulla storia di Prà
  • "Memorie di un fenicottero", sulla Resistenza antifascista in Francia e nel Savonese
  • "L'impareggiabile vita del signor Andrea Salusciev", biografia di un soldato russo terrorizzato dallo stalinismo
  • "Rarinantese", poesie in romanesco alla maniera del Belli
  • "Scende lenta e cammina", poesie
  • "Un po' per celia un po' per non morir", poesie
  • "C'era una...anzi due volte", favole
  • "L'anima delle cose", racconto edito da l'Europeo - Porsche Italia - Primosic
  • "C'era una volta Boffardi", storia di una famiglia di emigranti
  • "L'anima provvisoria", romanzo
  • "La Sviolinazza", romanzo
  • "Il Sommelier", romanzo