Giulia Mamea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giulia Avita Mamea
Julia mammea02 pushkin.jpg
Busto di Giulia Avita Mamea
Augusta dell'Impero romano
In carica 222235
Nome completo Iulia Avita Mamaea
Altri titoli Consors imperii
Nascita 180
Morte Moguntiacum (moderna Magonza), 18 o 19 marzo 235
Dinastia Severiana
Padre Giulio Avito
Madre Giulia Mesa
Consorte di Gessio Marciano
Figli Alessandro Severo

Giulia Avita Mamea (latino: Iulia Avita Mamaea; 180 – 18 o 19 marzo 235) è stata augusta dell'impero romano e membro della famiglia dell'imperatore Settimio Severo.

Giulia Mamea su di un sesterzio celebrante la dea Felicitas.

Figlia della siriana Giulia Mesa e di Giulio Avito, Mamea era nipote dell'imperatore Settimio Severo e sorella di Giulia Soemia. Sposò Gessio Marciano, da cui ebbe un figlio, il futuro imperatore Alessandro Severo. Come membro della famiglia imperiale, assistette da una posizione privilegiata agli eventi che portarono alla morte dell'imperatore Caracalla, figlio di Severo, e all'ascesa al trono di Eliogabalo, nipote di Giulia Mesa. Il nuovo imperatore e la madre Soemia si dimostrarono incapaci, e il favore della potente Giulia Mesa ricadde su Alessandro, il quale divenne imperatore nel 222 alla morte del cugino per mano della Guardia pretoriana.

Poiché Alessandro aveva all'epoca quattordici anni, la madre Mamea regnò nel nome del figlio. La monetazione in suo onore la raffigura con la tipica pettinatura "a melone", tipizzata da una treccia ripiegata in basso. A volte porta un copricapo lunato. E' raffigurata assieme alle figure di Giunone conservatrice, Venere felice, Vesta, Pudicizia, "Felicitas publica", volte ad esaltare il suo ruolo ufficiale di nume tutelare del "ritorno all'ordine" dopo le gli eccessi di Eliogabalo.

Mamea in effetti aveva una buona reputazione di modestia, prudenza e fedeltà alla dinastia. Il figlio decise di nominarla, una volta giunto alla maggiore età, consors imperii ("consorte dell'impero"), una qualifica che la rendeva "associata nel comando". La situazione probabilmente lo richiedeva, ma era un'innovazione azzardata. Marco Aurelio aveva concesso la stessa posizione a Lucio Vero creando una specie di diarchia tra imperatori; ma nessuna donna aveva mai ricoperto una posizione simile. La novità causò malumori nell'esercito e nei gruppi più tradizionalisti, che accusarono di debolezza il giovane imperatore, visto come succube della madre. Come Giulia Domna prima di lei, Mamea ricevette nel 224 anche il titolo di "Mater Castrorum" (madre degli accampamenti) e nel 226 di "Mater Senatus" (madre del Senato).

Mamea, nella sua veste di co-reggente, accompagnò il figlio nelle campagne militari, secondo un costume iniziato da Giulia Domna, moglie di Settimio Severo. Ma adesso i ruoli si erano invertiti e Mamea di fatto controllava le decisioni del giovane imperatore. Mamea si recò quindi in oriente, per la campagna contro i Parti, e nelle province della Germania: fu proprio in questa occasione che Alessandro e Mamea si trovarono a Mogontiacum (moderna Magonza) quando alcune truppe si ribellarono e uccisero l'imperatore e la madre nella tenda imperiale.

A Roma, nei Musei capitolini, si conserva un sarcofago marmoreo riferibile ad Alessandro Severo e alla madre, che in origine era posto nel grandioso mausoleo della famiglia imperiale, i cui resti sono oggi noti come Monte del Grano.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN75186187 · LCCN: (ENn82000919 · ISNI: (EN0000 0000 7868 9953 · GND: (DE123946298
Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma