Giulia Grisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giulia Grisi

Giulia Grisi (Milano, 22 maggio 1811Berlino, 29 novembre 1869) è stata un soprano italiano, sorella del mezzosoprano Giuditta Grisi, cugina della ballerina Carlotta Grisi e nipote di Giuseppina Grassini.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di un ufficiale napoleonico, Giulia Grisi nacque in una famiglia di solide tradizioni musicali: la sua zia materna Giuseppina Grassini (17731850) era stata un'applaudita cantante, così come sua madre e sua sorella maggiore, Giuditta, che sarebbe stata il primo Romeo ne I Capuleti e i Montecchi di Bellini, mentre sua cugina Carlotta fu una famosa ballerina e la prima interprete di Giselle.

Anche Giulia venne educata alla musica, e fece il suo debutto nel ruolo di Emma nella Zelmira di Gioachino Rossini a Bologna nel 1828. Sia Rossini sia Bellini ebbero modo di notarla e di apprezzare le sue doti, e a Milano Giulia fu la prima Adalgisa nella Norma di Bellini, al fianco di Giuditta Pasta nel ruolo della protagonista. La Grisi cantò quindi a Parigi nel 1832 nella Semiramide di Rossini, con grande successo; nel 1834 fece il suo debutto a Londra nel ruolo di Ninetta ne La gazza ladra, quindi, di nuovo a Parigi, nel 1835 fu la prima Elvira ne I puritani di Bellini e la prima Elena ne Marin Faliero di Donizetti al Théâtre-Italien. Nel 1842 Donizetti scrisse le parti di Norina ed Ernesto nel Don Pasquale appositamente per la Grisi e il tenore Giovanni Matteo De Candia, noto anche con il nome d'arte di Mario, che era divenuto il compagno della cantante.

Giulia Grisi

Voce da soprano drammatico, mantenne la sua posizione di primo piano nei teatri europei per trent'anni, cantando al fianco di artisti quali Luigi Lablache, Giovanni Battista Rubini, Antonio Tamburini e lo stesso Mario. Nel 1854 assieme a quest'ultimo andò in tournée negli Stati Uniti.

Aveva sposato nel 1836 il visconte Gérard de Melcy, che si era poi rifiutato di concederle il divorzio, facendosi pagare per tutta la vita di lei una cospicua provvigione. La separazione avvenne però quasi subito e la Grisi si legò a Lord Castrlereigh jr. dal quale ebbe un figlio, che il Lord riconobbe ed avviò alla carriera militare. Nel 1840 o nel 1841, cessata la relazione con Castlereigh, si unì a Mario, di cui, pur non potendolo sposare, fu la compagna per tutta la vita. Ebbe da lui sei figlie femmine (tre morte bambine). Mario proveniva da una nobile famiglia, e la coppia si spostava tra Parigi, Londra, Pietroburgo. Pur mantenendo casa a Parigi, i due stettero anche nella principesca Villa Salviati a Fiesole, che Mario acquistò nel 1852 da un Arthur Vansittart per 11.211 sterline, cambiate in 50.450 "Leopoldoni" o "francesconi" toscani.

Durante un viaggio in treno verso San Pietroburgo, la Grisi e Mario rimasero coinvolti in un incidente presso Berlino. Raggiunsero Berlino a piedi. Qui la Grisi, per lo spavento ed il freddo di quell'avventura si ammalò e circa un mese dopo, mentre Mario era a Pietroburgo, morì. La salma fu fatta portare dal compagno a Parigi e fu sepolta nel cimitero del Père-Lachaise.

Una delle figlie della Grisi e di Mario, Cecilia Maria Pearse De Candia, fu biografa del padre, ancorché piuttosto fantasiosa, nella misura in cui si basa su racconti del genitore[1].

Ruoli creati[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Romance of a great Singer. A memoir of Mario. By Mrs. Godfrey Pearse and Frank Hird. London, Smith, Elder & Co. 1910. Edizione italiana Il romanzo di un celebre tenore. Ricordi di Mario, raccolti dalla figlia Cecilia Pearse-De Candia, Firenze, Le Monnier, 1813.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Encyclopaedia Britannica, XI edizione, Cambridge University Press, 1911
  • Felice Todde: Il tenore gentiluomo. La vera storia di Mario (Giovanni Matteo De Candia), Zecchini, Varese 2016

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN42040883 · ISNI: (EN0000 0000 7143 1300 · LCCN: (ENn85326413 · GND: (DE116855835 · BNF: (FRcb14850891g (data) · ULAN: (EN500344451