Giudizio di Salomone (Raffaello)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giudizio di Salomone
Volta della stanza della segnatura 08 giudizio di salomone.jpg
AutoreRaffaello Sanzio
Data1508
Tecnicaaffresco
Dimensioni120×105 cm
UbicazioneMusei Vaticani, Città del Vaticano

Il Giudizio di Salomone è un affresco (120x105 cm) di Raffaello Sanzio, databile al 1508 e facente parte della decorazione della volta della Stanza della Segnatura nei Musei Vaticani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Giudizio di Salomone è di solito indicata come la seconda scena dipinta nella volta da Raffaello, nella Stanza che per prima venne decorata.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

Su uno sfondo a finto mosaico dorato è rappresentato re Salomone di profilo seduto su un alto trono, girato verso sinistra. Un soldato davanti a lui, raffigurato di spalle, sta per dividere a metà un bambino conteso tra due donne, che si vede poi esanime, ma intero a terra. La donna inginocchiata in primo piano sembra rivolgersi al sovrano per evitare l'ingiustizia, ma solo quella in piedi in secondo piano sembra veramente sconvolta, rivelando come essa sia la vera madre.

L'opera, con i personaggi attraversati da un vibrante chiaroscuro che ne evidenzia il rilievo plastico, riecheggia varie opere della statuaria antica. Ad esempio il carnefice è stato messo in relazione con i Dioscuri di Montecavallo.

Nel complesso di rispondenze tra il soffitto e le lunette laterali il Giudizio di Salomone si inserisce nell'asse della parete sud, con la Giustizia e le Virtù e la Legge.

Parete Immagine Tondo Immagine Riquadro Immagine Lunetta Elemento Putto
Sud Volta della stanza della segnatura 05 giustizia.jpg Giustizia Volta della stanza della segnatura 08 giudizio di salomone.jpg Giudizio di Salomone Virtù e due scene 02.jpg Virtù e la Legge Terra Terra

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierluigi De Vecchi, Raffaello, Rizzoli, Milano 1975.