Giudecca (quartiere ebraico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giudecca, termine con cui nell'antichità si indicavano i quartieri ebraici (dal latino Judeus), specialmente nelle città del Sud Italia e della Sicilia.[1] Nasce per indicare quella zona della città in cui gli ebrei erano anticamente soliti abitare (a volte anche confinati). Così ciascuna comunità ebrea venne denominata aliama, judaica o giudeca.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Piastrelle in Ceramica Caltagirone raffiguranti la Stella di David. Caltagirone, Italia

Tali comunità, nel tardo Medioevo, godevano di una propria autonomia politica, amministrativa, giudiziaria e patrimoniale; provvedevano all'imposizione e alla riscossione delle imposte, e svolgevano servizi fondamentali (come la scuola, il notariato, l'ospedale, il cimitero, il macello e l'assistenza ai più bisognosi). Ogni "Judaica" aveva un organo deliberativo rappresentato dal consiglio regionale, che a sua volta eleggeva i proti (che formavano l'organo esecutivo) e il comitato delle imposte (che ripartiva tra le famiglie l'onere dei donativi da versare all'erario).

Nel 1310 il re di Sicilia Federico II di Aragona adottò una politica restrittiva nei confronti della numerosa comunità ebraica siciliana, costretta a contrassegnare le loro vesti e le loro botteghe con la "rotella rossa".

Decreto di Alhambra di espulsione degli ebrei dai regni spagnoli.

Isabella la Cattolica divenuta moglie di Ferdinando II d'Aragona sull'onda della reconquista convinse il marito a espellere gli ebrei. L'espulsione dai regni spagnoli fu, così, decretata nel 1492 con il decreto di Alhambra.[2] Unica via d'uscita era la conversione al cattolicesimo. Solo in Sicilia si contavano oltre 90 "giudecche"[3] con circa 37 mila ebrei, di cui a Palermo e a Siracusa comunità di circa 5 mila ciascuna[4].

Il re Ferdinando, divenuto anche re di Napoli nel 1504, il 23 novembre 1510 emise un ulteriore atto di espulsione degli ebrei da tutta l'Italia Meridionale, però evitabile con il pagamento di 300 ducati.[5].Solo nel 1542 il viceré Pedro di Toledo emise il definitivo decreto di espulsione per gli ebrei dal regno di Napoli. Le ultime comunità che già dalla grande diaspora del II secolo si erano insediate fra Brindisi e Roma sparirono dalle realtà urbane in cui avevano trovato accoglienza.

Fu papa Paolo IV con la bolla Cum nimis absurdum del 1555 che forzò gli ebrei a vivere in un'area specifica, prevedendo una serie di restrizioni particolari, il ghetto[6], e papa Pio V raccomandò che tutti gli stati confinanti istituissero dei ghetti, che sarebbero poi stati in vigore per secoli.

Via della Giudecca, nell'omonimo quartiere a Trapani, xilografia del 1892

Le "giudecche"[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]