Girolamo Lombardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Girolamo Lombardi)
Jump to navigation Jump to search
Porta centrale della Basilica della Santa Casa di Loreto.

Girolamo Lombardo, spesso conosciuto come Girolamo Lombardi, o Girolamo da Ferrara[1] (Ferrara, 1506Recanati, 1590), è stato uno scultore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Ferrara nel 1506, Girolamo era figlio dell'architetto e scultore Antonio Lombardo, perciò abiatico di Pietro Lombardo originario di Carona, ed inoltre era fratello di Ludovico e di Aurelio, anch'essi scultori.

Girolamo si formò nella bottega paterna a Ferrara per poi trasferirisi successivamente a Venezia per continuare la formazione con Jacopo Sansovino, con il quale, tra il 1532 e il 1540, collaborò nella Libreria Marciana e nella Loggetta del campanile di San Marco a Venezia.

La sua presenza è documentata a Loreto a partire dal 1543, dove già da alcuni anni era attivo il fratello Aurelio e dove venne raggiunto verso il 1550 anche dal terzo fratello, Ludovico.

Verso il 1552 Girolamo si trasferì con i fratelli a Recanati ed aprirono una fonderia, dando vita ad un importante polo fondiario dell'Italia centrale, passando la matura tecnica veneta a tutti gli operatori della feconda bottega. La scuola scultorea recanatese proseguì nelle generazioni successive con Tiburzio Vergelli di Camerino, Antonio Calcagni (padre di Michelangelo Calcagni, scultore), Sebastiano Sebastiani, Tarquinio e Pier Paolo Jacometti, Gianbattista Vitali.

I figli Antonio, Pietro e Paolo saranno anche loro validi scultori e fonditori in bronzo.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Enciclopedia Treccani, su treccani.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Vitalini Sacconi, Macerata e il suo territorio: la Scultura.
  • Pietro Zampetti,Scultura nelle Marche a cura di Nardini Editore.
  • Ugo Donati, Breve storia degli artisti ticinesi, Bellinzona 1936, 68; Idem, Artisti ticinesi a Venezia dal XV al XVII secolo, Banco di Roma per la Svizzera, Lugano 1961, 27.
  • Massimo Ambrosetti, I Lombardo-Solari fuori Venezia, in LaCittà, Lugano dicembre 2008, 47.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89040638 · ISNI (EN0000 0000 6266 7901 · GND (DE188442510 · ULAN (EN500050768 · BAV ADV10273130 · CERL cnp02046065