Girlfriend in a Coma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Girlfriend in a Coma (disambigua).
Girlfriend in a Coma
ArtistaThe Smiths
Tipo albumSingolo
Pubblicazione10 agosto 1987
Durata2:02
Album di provenienzaStrangeways, Here We Come
GenereRock alternativo
Indie pop
EtichettaRough Trade
ProduttoreThe Smiths, Stephen Street
Registrazioneprimavera 1987
Formati7", 12"
The Smiths - cronologia
Singolo precedente
(1987)

Girlfriend in a Coma è un brano della band inglese The Smiths.

Primo singolo tratto dall'album Strangeways, Here We Come, il disco venne pubblicato il 10 agosto del 1987 dalla Rough Trade e raggiunse la posizione numero 13 nella UK Singles Chart.

Realizzazione[modifica | modifica wikitesto]

"Girlfriend in a Coma venne fuori dall'amore mio (Marr, ndr) e di Morrissey per Young, Gifted And Black di Bob Andy e Marcia Griffiths. Entrambi lo adoravamo. Così il nostro brano cercava di catturare quello spirito. Se si ascoltano le parti degli archi su entrambe le canzoni è possibile accorgersene."[1] (Johnny Marr su Girlfriend in a Coma)

Il brano venne prodotto dagli stessi Smiths in collaborazione con Stephen Street e registrato presso gli studi Wool Hall di Bath, nella primavera del 1987. Musicalmente, l'apertura del brano, mostra le capacità ritmiche sia del bassista Andy Rourke che del batterista Mike Joyce, con la chitarra acustica di Marr che scompare frequentemente dal mix, quasi come a spostare l'attenzione verso i suoi compagni di band, il che suggerisce, più che mai con questa canzone, quanto fosse ritenuto fondamentale il loro contributo al suono complessivo del gruppo.

Il testo descrive una ragazza, costretta in ospedale dopo un terribile incidente, derisa dai commenti sarcastici del suo fidanzato (e protagonista) (Girlfriend in a coma I know / I know it's really serious / There were times when I could have 'murdered' her / But you know, I would hate anything / To happen to her). Nel finale drammatico, Morrissey, canta il temuto ultimo ironico addio (Let me whisper my last goodbyes / I know it's serious.)

Il singolo contiene, come b-sides, le ultime canzoni registrate in studio dagli Smiths, ovvero: I Keep Mine Hidden e la cover di Work Is a Four-Letter Word, canzone scritta da Guy Woolfenden e Don Black ed interpretata da Cilla Black. In quelle stesse ultime session, gli Smiths, registrarono anche una versione di A Fool Such As I, di Elvis Presley, che però non venne mai pubblicata.

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

La copertina, progettata da Morrissey, ritrae una foto della scrittrice e drammaturga inglese Shelagh Delaney (già precedentemente utilizzata come soggetto dalla band, nella copertina della raccolta Louder Than Bombs), tratta da un'edizione del 1961 del suo romanzo di debutto A Taste of Honey.[2] La Delaney è stata spesso citata da Morrissey come musa ispiratrice di molti suoi testi. Come lui stesso ebbe a dichiarare, in un'intervista del 1986: "Non ho mai fatto mistero del fatto che almeno il 50 per cento della motivazione che mi ha spinto a scrivere può essere attribuito a Shelagh Delaney."

Sul vinile dei 7" e del 12" sono incise, rispettivamente, le frasi: AND NEVER MORE SHALL BE SO / SO FAR, SO BAD e EVERYBODY IS A FLASHER AT HEART/AND NEVER MORE SHALL BE SO.

Il video promozionale, diretto da Tim Broad, venne realizzato utilizzando immagini di Morrissey che interpreta il brano, intervallate da materiale tratto dal film inglese The Leather Boys, diretto da Sidney J. Furie nel 1963.[3][4]

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

Vari artisti e band, nel corso degli anni, hanno reinterpretato il brano, tra cui: Noah and the Whale nel singolo 5 Years Time, del 2008; i Mojo Nixon in una insolita psychobilly version, contenuta nell'album Whereabouts Unknown del 1995; il cantautore Joshua Radin nel suo First Between 3rd & 4th, uscito nel 2004; gli Atomic nell'album Wonderland Boulevard, del 2005; Owen (progetto solista dell'ex Joan of Arc, Mike Kinsella) nel singolo O, Evelyn, uscito nel 2011. La canzone è stata anche utilizzata per sostituire il tema principale della sit-com americana The Drew Carey Show, nell'episodio intitolato Drew's In A Coma andato in onda il 7 febbraio 2001 e in cui, il protagonista Drew, finiva in coma dopo un incidente d'auto.[5]

Il brano dà il nome al romanzo di Douglas Coupland del 1998, intitolato (appunto) Girlfriend in a Coma (Fidanzata in coma nella edizione italiana). Il libro narra la storia di Karen, un attraente ragazza che una notte del 1979, entra in coma e contemporaneamente dà alla luce una bambina. Al suo risveglio, diciotto anni dopo, si ritrova madre di mezza età e con tutti i suoi amici già cresciuti. Testi e titoli delle canzoni degli Smiths sono altresì utilizzati dall'autore all'interno del libro stesso, come nel caso di Bigmouth Strikes Again, Hand in Glove e The Queen Is Dead.[6]

Girlfriend in a Coma è anche il titolo di un documentario prodotto nel 2012 dalla Springshot Productions e realizzato dai giornalisti Annalisa Piras e Bill Emmott.[7] Trasmesso in prima visione televisiva il 17 febbraio 2013, dal canale satellitare Sky Cult[8], il film narra le vicende politiche, economiche e sociali che hanno contribuito al processo di declino morale ed istituzionale dell'Italia contemporanea, con particolare riferimento critico nei confronti dell'operato di governo guidato da Silvio Berlusconi.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  • UK 7"
  1. Girlfriend in a Coma - 2:02
  2. Work Is a Four-Letter Word - 2:45
  • UK 12"
  1. Girlfriend in a Coma - 2:02
  2. Work Is a Four-Letter Word - 2:45
  3. I Keep Mine Hidden - 1:57

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock