Giovanni da Siviglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni da Siviglia (latino: Johannes Hispalensis o Johannes Hispaniensis; ... – ...) è stato un traduttore e astrologo spagnolo del XII secolo.

Giovanni operò forse in Galizia, a Limia (nell'Ourense), dal momento che si firmava Johannes Hispalensis atque Limiensis, durante l'epoca della Reconquista, la prolungata lotta cristiana per riconquistare la penisola Iberica, in gran parte dominata e sottomessa dai musulmani.

Le sue traduzioni - il Secretum Secretorum[1] dedicato a una fittizia regina T[arasia?], e la versione originale del De differentia spiritus et animae del filosofo arabo del IX secolo Qusta ibn Luqa - erano tutte traduzioni di lavori di medicina, frammisti a opere di alchimia, come si usava nella tradizione ispano-araba. Nel suo Libro degli algoritmi relativi all'aritmetica pratica, Giovanni da Siviglia infine fornisce una delle prime dimostrazioni a noi conosciute del sistema decimale indiano, la cui introduzione in Europa viene di norma associata al Liber Abaci di Leonardo Fibonacci da Pisa:

« Un numero è una collezione di unità, e dal momento che la collezione è infinita (per moltiplicazione può continuare indefinitamente), gli Indiani hanno ingegnosamente incluso questa molteplicità infinita all'interno di certe regole e limiti cosicché quella infinità possa essere definita scientificamente; Queste rigide regole li rendono in grado di definire con precisione questo sottile concetto. »

Astrologo, Giovanni da Siviglia tradusse in latino il Libro della nascita.[2] ed il Kitāb taḥāwīl sinī al-‘ālam dell'astrologo arabo Abu 'Ali al-Khaiyat[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si noti che questi titoli derivano tutti dall'espressione araba Sirr al-asrār, che ha il medesimo significato.
  2. ^ Houtsma, p. 875
  3. ^ Flowers of Abu Ma'shar, World Digital Library. URL consultato il 27 febbraio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59108611 · ISNI (EN0000 0004 3499 4891 · LCCN (ENnr90029147 · GND (DE102509565 · BNF (FRcb134893378 (data) · CERL cnp00292973