Giovanni Verrando

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giovanni Verrando (San Remo, 1965) è un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato allievo di Franco Donatoni, Giacomo Manzoni, Niccolò Castiglioni e di Tristan Murail.

Le sue opere sono state eseguite da ensemble internazionali quali il Quartetto Arditti, il Quartetto di Torino, l'Ensemble Intercontemporain, le Percussioni di Strasburgo e l'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, che nel 2007 ha inciso un suo disco monografico.[1]

È tra i fondatori di Repertorio Zero, associazione non-profit dedita alla diffusione della musica contemporanea, che ha vinto il Leone d'argento alla Biennale di Venezia nel 2011.

Insegna composizione alla Civica Scuola di Musica di Milano.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Opere liriche[modifica | modifica wikitesto]

  • Alex Brücke Langer (2002-03)

Musica sinfonica[modifica | modifica wikitesto]

  • Polyptych (2007)
  • Triptych (2005-06)
  • Agile (2004)
  • Sottile (1996-97)

Musica per ensemble misti[modifica | modifica wikitesto]

  • Krummholz (2014)
  • Heterophonic #4 (2006)
  • Harmonic domains #2 (2005)
  • Memorial art show (2005)
  • Agile (2002-03)
  • Il ruvido dettaglio celebrato da aby warburg (2002-2006)
  • Evanescente orchestra meccanica ii (1999, rev.2006)
  • 4 invenzioni sull'«offerta musicale» (1995)
  • Accanto alla quiete (1993)
  • Discanto (2000)

Musica da camera[modifica | modifica wikitesto]

  • Quartetto nº 3 (2003)
  • Second born unicorn, remind me what we're fighting for (2002)
  • First born unicorn, remind me what we're fighting for (2001)
  • Quartetto nº 2 (1998-99)
  • 3 opere misurate (1994-95)
  • Movimento discreto (1994)
  • Prima consecutio (1992-93)
  • Esprit de l'esprit ii (1992)
  • Animismus (1992)
  • Come minime conversazioni (1989)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Verrando, su Discogs. URL consultato il 23 giugno 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66378462 · ISNI (EN0000 0000 4984 7780 · LCCN (ENnr98001274 · BNF (FRcb162465887 (data) · WorldCat Identities (ENnr98-001274
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie