Giovanni Verità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Don Giovanni Verità in un ritratto di Silvestro Lega

Giovanni Verità, detto "don Zvàn" (Modigliana, 18 febbraio 1807Modigliana, 26 novembre 1885), è stato un presbitero italiano, critico del potere temporale detenuto dal Papa durante il Risorgimento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ordinato sacerdote nel 1829, iscritto alla Giovine Italia l'anno seguente, si schierò apertamente con i carbonari e partecipò a diverse rivolte popolari, motivo per cui la sua figura fu molto discussa.

Don Giovanni aiutò, durante il Risorgimento, moltissimi cospiratori, recuperandoli grazie a finte battute di caccia nelle foreste intorno a Modigliana, divenuta luogo di fuga - in quanto (fino al 1859) appartenente al più tollerante Granducato di Toscana - per i patrioti inseguiti dalle guardie dello Stato Pontificio.

Il sacerdote aiutò la fuga di Giuseppe Garibaldi e di Giovanni Battista Culiolo (alias "capitano Leggero"[1]), suo luogotenente, inseguiti dagli austriaci. La notte del 21 agosto 1849 don Giovanni li incontrò sul monte Trebbio e poi li nascose in casa propria a Modigliana, da dove poterono poi raggiungere Livorno per imbarcarsi.

Quando morì, il 26 novembre del 1885, gli furono negati i funerali religiosi, vista la sua non obbedienza al Papa.

La sua casa natale ospita oggi il «Museo Comunale Don Giovanni Verità», dedicato alla sua figura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Battista Culiolo, de La Maddalena noto anche come "capitano Leggero" in riferimento al suo passato di uomo di mare; divenne combattente di terra al fianco di Garibaldi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Croci; Don Giovanni Verita e il patriottismo religioso nel risorgimento. Milano,
  • Alfredo Oriani; Don Giovanni Verità e altri scritti sul 1848-49. Vol. XVI di Contemporanea, studi e testi, Ravenna, Longo, 1999.
  • Piero Zama; Don Giovanni Verità prete garibaldino. Faenza, Lega, 1967.
  • Piero Zama; Il cosiddetto "testamento" di don Giovanni Verità, nel 64º anniversario della morte: 26 novembre 1885-26 novembre 1949. Faenza, Lega, 1949. Vallardi, 1945.
  • Angela Nanetti; "Morte a Garibaldi".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64883884 · ISNI (EN0000 0000 8966 6781 · SBN IT\ICCU\RAVV\100795 · GND (DE122238788 · BAV ADV12389331 · CERL cnp00568646