Giovanni Tranchida Editore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La casa editrice Giovanni Tranchida Editore nasce a Milano nel 1983, dopo una stagione di intensi fermenti culturali, su progetto dell’editore Giovanni Tranchida, che aveva iniziato la propria attività editoriale a partire dal 1970, collaborando ad alcune riviste quali Re nudo, Filo rosso, Scimmia verde, etc. La produzione editoriale, che inizialmente era più orientata verso la saggistica, si è andata successivamente trasformando in senso artistico-letterario.

La casa editrice[modifica | modifica sorgente]

Fin dalla fondazione la casa editrice si dedica al recupero di classici che, per motivi diversi, erano stati censurati o semplicemente ignorati dalla critica. Romanzi brevi o racconti di autori di successo, mai tradotti in Italia, vengono per la prima volta proposti al pubblico; tra questi spiccano nomi quali: John Milton, Émile Zola, Valerij Brujusov, Henry James, Oskar Panizza, Nikolaj Karamazin, Marie von Ebner-Eschenbach, Mary Elisabeth Braddon, Marcel Proust, l’australiano Henry Lawson e Arthur Machen.

Parallelamente un’attenzione particolare è dedicata al presente, alla ricerca di quelle voci che esprimono il meglio della letteratura contemporanea, e alla divulgazione delle opere di autori apparentemente lontani dal modo e dal pensiero dominanti, ubicati “alla periferia della cultura occidentale”, come afferma l’editore stesso. Punte di diamante della casa editrice sono Yashar Kemal, indiscusso sciamano della letteratura turca e cantore delle terre del Tauro, e William McIlvanney, scrittore scozzese considerato tra i grandi della letteratura moderna, che partendo da avvincenti intrecci di carattere giallo-poliziesco indaga gli oscuri recessi dell’animo umano.

Tuttavia gli scrittori degni di nota sono moltissimi: rimanendo sempre nell’ambito della letteratura scozzese George Mackay Brown, originario delle Orcadi; Yusuf Yeshilöz, scrittore kurdo costretto a fuggire a causa del proprio impegno per il suo popolo; Ibrahim Souss, i cui romanzi sono ambientati nei difficili anni che vedono il costituirsi dello stato di Israele e la diaspora palestinese; il tibetano Tashi Dawa che dà voce al contrasto tra una cultura millenaria e la disgregazione conseguente all’avanzamento della cosiddetta civiltà; gli scenari giapponesi di Lafcadio Hearn; la Siberia incontaminata e i suoi abitanti cucki di Jurij Rytcheu; i silenzi delle cliniche e le urla soffocate dei bambini rappresentati dall’americano Howard Buten; il colombiano Rogelio Iriarte, scrittore di genere noir; i baschi Joseba Sarrionandia e Edorta Jimenez; il più importante esponente della letteratura delle Canarie, Rafael Arozarena; l’australiana Gail Jones e infine Rajiva Wijesinha, originario dello Sri Lanka, che affronta il tema del cambiamento della società singalese.

Un posto di rilievo è assegnato alla letteratura irlandese, che vanta una rosa di nomi importanti ( Seumas O'Kelly, George Moore, Frank O'Connor e Liam O'Flaherty per citarne alcuni), e al mondo femminile, rappresentato da figure di rilievo quali la scrittrice iraniana Shahrnush Parsipur, le cui opere sono state messe al bando; la canadese Joan Barfoot, che analizza la condizione socio-psicologica delle donne; e la delicata scrittrice kurda, poetica e malinconica, Suzan Samanci.

Infine nemmeno la saggistica viene trascurata, passando dalla psicologia a filosofia, architettura, critica letteraria e storia contemporanea, con una particolare attenzione per quei testi che per il loro contenuto sono collocabili in una posizione di transito tra le diverse discipline.

Principali collane[modifica | modifica sorgente]

Argomenti correlati[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria