Giovanni Sironi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Sironi
Gen.GiovanniSironi.jpg
NascitaGallarate, 1816
MorteMilano, 1901
Luogo di sepolturaCimitero di Robecco sul Naviglio
Dati militari
Paese servitoItalia Regno d'Italia
Forza armataRegio esercito
Anni di servizio1848 - 1895
GradoTenente Generale
GuerrePrima guerra d'indipendenza italiana
Seconda guerra d'indipendenza italiana
Terza guerra d'indipendenza italiana
voci di militari presenti su Wikipedia

Giovanni Sironi (Gallarate, 1816Milano, 1901) è stato un generale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Ugo Sironi e della nobildonna comasca Rosa Rusconi, Giovanni entrò nell'esercito sabaudo giovanissimo, combattendo coi piemontesi la prima e la Seconda guerra d'indipendenza italiana, ove combatté al fianco di suo fratello Enrico (il quale pure divenne in seguito generale). Al termine della Terza guerra d'indipendenza e dopo la partecipazione alla presa di Roma, ottenne il grado di maggiore e nel 1866 l'onorificenza di cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia.[1] Divenne in seguito comandante del 5º corpo d'armata. Dal 1880 al 1884 fu comandante della Scuola superiore di guerra di Torino[2].

Sul finire dell'Ottocento, ormai sollevato da incarichi di rilievo, mantenne una fitta corrispondenza col generale Bava Beccaris e venne nominato insegnante di strategia militare e maestro di spada dell'allora principe di Piemonte, futuro re Vittorio Emanuele III, dal padre Umberto I, divenendo in seguito anche aiutante di campo dello stesso principe ereditario. Divenne quindi sottocapo dello Stato maggiore dell'Esercito italiano[3] interessandosi dei problemi degli italiani in Tripolitania. Pensionato su sua richiesta il 16 febbraio 1895, si ritirò nella sua abitazione di Milano, in via Solferino, soggiornando occasionalmente anche nella sua abitazione di campagna acquistata a Robecco sul Naviglio, proprio lungo il corso del Naviglio Grande. Sempre nel 1895 divenne cittadino onorario di Verona (dove era stato governatore della locale piazza militare ed aveva contribuito all'espansione della città con l'abbattimento delle mura medievali) e nel 1899 si portò nuovamente a Gallarate per inaugurare la sezione di tiro a segno nazionale locale. Sua nipote, Anna Sironi, sposò l'allora ufficiale d'esercito e poi generale Paolo Morrone che sarà ministro della guerra nei drammatici anni della Grande guerra in Italia.

La sua salma riposa attualmente nella cappella degli eredi della famiglia nel cimitero di Robecco sul Naviglio.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia
Medaglia Mauriziana per merito militare di 10 lustri - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana per merito militare di 10 lustri
Croce d'oro per anzianità di servizio (40 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'oro per anzianità di servizio (40 anni)
Medaglia di Bronzo ai Benemeriti della Liberazione di Roma 1849-1870 - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Bronzo ai Benemeriti della Liberazione di Roma 1849-1870
Medaglia commemorativa delle campagne delle guerre d'indipendenza - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle campagne delle guerre d'indipendenza
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe (Impero austro-ungarico) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Imperiale di Francesco Giuseppe (Impero austro-ungarico)
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
Medaglia francese commemorativa della Seconda Guerra d'Indipendenza italiana - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia francese commemorativa della Seconda Guerra d'Indipendenza italiana

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.quirinale.it
  2. ^ Enrico Ciancarini, La scuola di guerra di Torino, Civitavecchia, Prospettiva, 2013, pagg. 73-76
  3. ^ www.esercito.difesa.it Archiviato il 3 settembre 2014 in Internet Archive.
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie