Giovanni Saponara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Saponara
NascitaSalandra, 5 febbraio 1934
MorteGenova, 8 giugno 1976
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
voci di militari presenti su Wikipedia


Giovanni Saponara (Salandra, 5 febbraio 1934Genova, 8 giugno 1976) è stato un poliziotto italiano, brigadiere del disciolto Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, ora Polizia di Stato.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si arruola a vent'anni nel Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza. Dopo varie assegnazioni (Torino, Aosta, Bardonecchia, Bari), prende servizio nel 1973 a Genova. Passato alla Sezione di Polizia Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Genova diventa addetto alla scorta del Procuratore Generale del capoluogo ligure, Francesco Coco[1].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor civile (alla memoria) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile (alla memoria)
«Prescelto, in virtù delle non comuni qualità, per il servizio di sicurezza a eminente magistrato, assolveva al proprio compito con sereno, profondo senso del dovere e con sprezzo del pericolo, benché consapevole di esporsi a rischi mortali. Veniva proditoriamente trucidato, da ignoti appartenenti a banda armata, con colpi d'arma da fuoco esplosigli da distanza ravvicinata, mentre, con impegno e responsabile coraggio, svolgeva la propria missione. Genova, 8 giugno 1976»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Saponara, in Ufficio storico della Polizia di Stato.