Giovanni Mardersteig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Mardersteig (Weimar, 8 gennaio 1892Verona, 27 dicembre 1977) è stato un editore e stampatore tedesco naturalizzato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Germania, spostò la sua attività sull'editoria essendo uno dei tre fondatori, con Carl Georg Heise e Kurt Wolff della rivista sulle arti 'Genius', trasferendosi a Lipsia e successivamente a Monaco di Baviera, concentrando successivamente il suo interesse sulla stampa.

La formazione culturale europea e la scrupolosa ricerca della perfezione sotto ogni aspetto nella realizzazione di un'opera editoriale spinsero Hans Mardersteig a fondare l'Officina Bodoni a Lugano nel 1922, e trasferirla cinque anni dopo, a Verona. Dopo alcune esperienze editoriali, aveva individuato l'interesse internazionale per un'editoria di alto livello, come le private presses in Inghilterra e in Germania. La sua scelta riguardava anzitutto la cura dei testi, poi l'impaginazione e infine la stampa al torchio su pergamena e carte di grande pregio.

Quando, nel primo dopoguerra si sentì il bisogno di creare delle attività che potessero servire da modello alla rinascita del paese, venne l'idea, a Hans Mardersteig (che dal 1948 tradusse il suo nome in Giovanni al momento della cittadinanza italiana), insieme ad alcuni amici e industriali, di fondare una tipografia dedicata alla stampa di libri di qualità che potesse accontentare, con l'uso di macchine fonditrici e macchine tipografiche, oltre i bibliofili, un maggior numero di clienti attenti al bel libro. Fu costruito un primo piccolo edificio a Verona, appunto nel quartiere Valdonega, nome assunto anche dall'azienda, e la Stamperia Valdonega iniziò la sua attività nel 1948 con un impianto che diede immediatamente il tono e gli obbiettivi essendo basata su macchine per la composizione meccanica Monotype e pianocilindriche Johannisberg.

Nel 1952 fu inaugurato il primo ampliamento e si stipularono anche importanti contratti con case editrici il cui prestigio, in parte, venne proprio dall'accurata produzione. Gli editori più importanti di questo periodo sono la Riccardo Ricciardi Editore di Milano-Napoli fondata da Raffaele Mattioli (Classici della Letteratura Italiani), l'Editrice Antenore diretta da Giuseppe Billanovich (Italia Medioevale e Umanistica), Adelphi Edizioni con la serie di volumi diretta da Colli di Tutte le Opere di Friedrich Nietzsche e l'importante collana di volumi su Le Lettere di Michelangelo per Sansoni.

Nel 1964 per la Casa Editrice Salani fu realizzata la maestosa Divina Commedia di Dante con 100 illustrazioni di Salvador Dalí.

Nel frattempo si consolidò il rapporto con note case editrici straniere come la Collins Publishers e Folio Society in Inghilterra, la Tauchnitz Edition, la Hoffmann & Campe, la Hanser Verlag e la Propyläen Verlag in Germania, la Limited Editions Club e New Directions negli Stati Uniti.

Muore nel 1977 e l'attività della Stamperia Valdonega viene portata avanti fino ad oggi con la stessa filosofia dal figlio Martino Mardersteig

La specificità delle sue opere risiede nella ricercatezza e nella raffinatezza delle stampe eseguite.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Giambattista Bodoni, Manuale tipografico, facsimile a cura di Giovanni Mardersteig, Verona, Bodoni, 1968
  • Scritti di Giovanni Mardersteig sui caratteri e sulla tipografia, Verona, Il Polifilo, 1989

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adriana Ramelli, L'officina Bodoni di Giovanni Mardersteig, "Gutenberg Jahrbuch" 1955
  • L'Officina Bodoni: libri impressi con torchi a mano, a cura di Franco Riva, Verona, Biblioteca civica di Verona, 1962
  • Franco Riva, Giovanni Mardersteig, principe degli stampatori, Venezia, Centro arti e mestieri, 1962
  • Officina Bodoni, Verona, 1923-1962 : das typographische Abenteuer von Giovanni Mardersteig, Bern, Schweizerisches Gutenbergmuseum, 1963
  • John Ryder, The Officina Bodoni : some notes towards a proper understanding of the work of Dr. Giovanni Mardersteig, master-printer and scholar-publisher of Verona, and how this work became known in England, "Librarium" 1971
  • Rudolf Hagelstange, Ein beispielhaftes Lebenswerk : Laudatio auf Giovanni Mardersteig, Mainz, Gutenberg Gesellschaft, 1978
  • Esposizione dei libri di Giovanni Mardersteig nella Officina Bodoni, Milano, Biblioteca Trivulziana, 1979
  • Franco Riva, Commemorazione di Giovanni Mardersteig, Venezia, Istituto Veneto di scienze, lettere ed arti, 1979
  • Vittorio Enzo Alfieri, Giovanni Mardersteig, il "gentiluomo di Verona" (1892-1977), "Rivista di studi criociani" 1979)
  • Giovanni Mardersteig, L'officina Bodoni i libri e il mondo di un torchio (1923-1977), introduzione di Hans Schmoller, Verona, Edizioni Valdonega, 1980
  • Ariberto Mignoli, Ricordo di Giovanni Mardersteig, Verona, Ariberto Mignoli (Valdonega), 1982
  • Libreria antiquaria Mediolanum, Aldo Manuzio, Gianbattista Bodoni, Giovanni Mardersteig Catalogo di vendita n.11., Milano, Libreria Antiquaria Mediolanum, [199.]
  • The Officina Bodoni and the Stamperia Valdonega, New York, The Grolier Club 1992
  • Letizia Tedeschi e Ottavio Besomi, Giovanni Mardersteig a Montagnola : la nascita dell'Officina Bodoni, 1922-1927, Verona, Valdonega, 1993
  • Giovanni and Martino Mardersteig. 60 years of the stamperia Valdonega, Verona, Valdonega, 2008
Controllo di autoritàVIAF: (EN89277711 · ISNI: (EN0000 0001 0923 1487 · SBN: IT\ICCU\CFIV\039700 · LCCN: (ENn50075987 · GND: (DE118577654 · BNF: (FRcb122018216 (data) · ULAN: (EN500125927