Giovanni Greppi (commediografo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Greppi, noto in Arcadia col nome di Florimondo Ermioneo (Bologna, 1751Milano, 1827), è stato un commediografo, attore e librettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si fece conoscere già in giovane età per i suoi versi. Le sue prime composizioni poetiche furono poesie d'occasione che gli acquistarono l'ingresso nella colonia "Renia" di Bologna dell'Accademia dell'Arcadia, col nome di Florimondo Ermioneo[1],[2]. Con questo nome d'arcade ha firmato libretti per Ferdinando Robuschi[3],[4] e Francesco Bianchi[5].

Da Bologna si trasferì a Roma, in cerca di fortuna; ottenne un buon impiego dal cardinale Francesco Saverio de Zelada, segretario di Stato di Clemente XIV; in seguito Pio VI lo creò cavaliere. Una crisi esistenziale in seguito a una delusione amorosa (si era innamorato della nipote di Pio VI), lo spinse a diventare francescano; pentitosi della scelta, gettò l'abito e ritornò al teatro.

Durante il periodo napoleonico, il Greppi si trasferì definitivamente a Milano, e ricoprì diverse funzioni (commissario di polizia, prefetto, ecc.) nella Repubblica Cisalpina, di cui scrisse anche l'inno (1808)[6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Il Greppi è autore di circa cinquanta commedie, e fu un autore teatrale molto popolare ai suoi tempi. Le sue commedie si inserivano nell'ambito del genere lacrimevole[7] e l'autore si avvicinò al Richardson anche nella scelta di dedicare una serie di tre commedie a una stessa protagonista (trilogia nota come "Amore irritato dalle difficoltà" o "trilogia di Teresa": Teresa e Claudio, Teresa Vedova, e Teresa e Wilk[8]). Oltre alle Tre Terese si ricordano Gertrude d'Aragona, un melodramma storico (on-line), e I Capricci Teatrali in quattro volumi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jean Rotrou, Georges Forestier, Marianne Béthery, Théâtre complet. Société des textes français modernes, 2003, vol. VI, p. 40, ISBN 286503268X, ISBN 9782865032686
  2. ^ Carlo Leone Curiel e Bruno Brunelli, Il teatro S. Pietro di Trieste, 1690-1801: 1690-1801. Milano: Archetipografia di Milano, 1937, p. 346
  3. ^ Castrini padre e figlio. Dramma giocoso per musica di Ferdinando Robuschi, libretto di Florimondo Ermioneo
  4. ^ Li raggiri fortunati. Dramma giocoso per musica da rappresentarsi in Bologna nel nobile Teatro Marsigli Rossi la primavera dell'anno 1792, per musica di Ferdinando Robuschi, libretto di Florimondo Ermioneo
  5. ^ Lo stravagante inglese. Dramma giocoso per musica di Giuseppe Francesco Bianchi, di Florimondo Ermioneo. Padova : Conzatti, 1786
  6. ^ Girolamo Tiraboschi, Notizie biografiche e letterarie in continuazione della Biblioteca modonese. Reggio: Tipografia Torreggiani, 1835, vol. III, p. 478 (on-line)
  7. ^ Antonio Lombardi, Storia della letteratura italiana nel secolo XVIII scritta da Antonio Lombardi. Modena : Tipografia camerale, 1829, vol. III, p. 385 (on-line)
  8. ^ Il teatro moderno applaudito: ossia raccolta di tragedie, commedie, drammi e farse che godono presentemente del più alto favore sui pubblici teatri, così italiani, come stranieri; corredata di notizie storico-critiche e del giornale dei teatri di Venezia. Il Mese Di Luglio, 1797, vol. 9-10, p. 105 (on-line)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29799222 · ISNI (EN0000 0001 0884 0029 · SBN IT\ICCU\BVEV\064264 · LCCN (ENno2005042764 · GND (DE1031736875 · BNF (FRcb14840939f (data)