Giovanni Francesco Straparola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Francesco Straparola

Giovanni Francesco Straparola o Gian Francesco Straparola (Caravaggio, 14801557 o più tardi) è stato uno scrittore italiano, romanziere e novelliere.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini etimologiche del suo nome sono incerte; probabilmente Straparola apparteneva alla famiglia Secchi, e fu così soprannominato per assonanza con il verbo straparlare. Non si hanno notizie rilevanti relativamente alla sua vita, ad eccezione di un soggiorno a Venezia avvenuto fra il 1530 e il 1540.

Nel 1508 pubblicava un Canzoniere di ispirazione petrarchesca; si trattava di una raccolta di poesie d'amore (sonetti, strambotti, epistole e capitoli) dal titolo Opera nova de Zoan Francesco Straparola. Nel 1550 pubblicò a Venezia la raccolta di "favole ed enimmi" Le piacevoli notti. Il successo incontrato lo spinse a preparare in fretta un secondo volume, che vide la luce nel 1553.

Le piacevoli notti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Le piacevoli notti.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

L'opera comprende 75 novelle e fiabe, accompagnate da 75 enigmi (non di rado osceni); le novelle sono raccordate da una cornice narrativa di ispirazione boccaccesca, che comprende anche indovinelli e altri racconti. Tra le fiabe si incontra la prima versione scritta de Il gatto con gli stivali, con il titolo di "Costantino Fortunato". A narrare le novelle, per tredici notti consecutive, sono tredici donne, che fanno parte di una brigata riunitasi a Murano, nel palazzo del vescovo di Lodi, Ottaviano Maria Sforza, per festeggiare il carnevale veneziano (probabilmente quello del 1536). Tra i presenti ci saranno anche, nel secondo libro, Pietro Bembo e il suo discepolo Bernardo Cappello.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

La novità della raccolta di Straparola è da individuare nella presenza della componente fiabesca e nell'ampio uso di una materia popolare, il folklore, compreso l'elemento dialettale. Due novelle, rispettivamente I tre gobbi e Marsilio Verzolese, sono addirittura narrate in dialetto bergamasco e padovano. L' autore, facente parte di una raffinatissima e ristretta cerchia intellettuale ed aristocratica, nel proporee delle fiabe, per loro stesso profonfa valenza, non poteva certo limitarsi solo ad materiale popolaresco e folkloristico! Andava certo più in là... nei miti classici e nel simbolismo sacro.

Vicende editoriali[modifica | modifica wikitesto]

Le prime 25 novelle furono pubblicate a Venezia nel 1550; considerato il successo che l'opera incontrò nel pubblico, Straparola pubblicò altre 48 novelle nel 1553. L'attuale edizione critica di riferimento è quella curata da Donato Pirovano nella collana I Novellieri italiani della Salerno Editrice (2000).

La raccolta de Le piacevoli notti ebbe un successo inaspettato, tanto che le novelle furono tradotte anche in tedesco, in francese e in castigliano. Questa ultima traduzione si intitola Honesto y agradable entretenimiento de damas y galanes, e fu composta dal baezano Francisco Truchado. La editio princeps è attualmente quella pubblicata a Saragozza nel 1578, rinvenuta da David González Ramírez[1]. L'edizione critica di riferimento è attualmente quella curata da Marco Federici, nella collana Iberica della casa editrice Nuova Cultura (Roma, 2014)[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David González Ramírez, La "princeps" del "Honesto y agradable entretenimiento de damas y galanes (Zaragoza, 1578) de Straparola: hallazgo de una edición perdida, in Analecta malacitana: Revista de la Sección de Filología de la Facultad de Filosofía y Letras., vol. 34, nº 2, pp. 517-528.
  2. ^ (EN) Francisco Truchado, Honesto y agradable entretenimiento de damas y galanes, Edizioni Nuova Cultura, 20 marzo 2014, ISBN 978-88-6812-255-3. URL consultato il 5 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN32094389 · LCCN: (ENn84130704 · SBN: IT\ICCU\TO0V\092637 · ISNI: (EN0000 0001 1023 8010 · GND: (DE118799118 · BNF: (FRcb12459896d (data) · NLA: (EN35924705 · BAV: ADV11389780 · CERL: cnp00400665