Giovanni Francesco Pressenda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Francesco Pressenda (Lequio Berria, 6 gennaio 1777Torino, 12 dicembre 1854) è stato un liutaio italiano.

Ha completato il suo apprendistato a Torino, probabilmente nella bottega di liutai francesi come Lété e Calot.

Giovanni Francesco Pressenda è nato in una modesta cascina nella frazione denominata Bordia: i suoi genitori erano agricoltori. Tradizionalmente considerato il figlio di un violinista dilettante e musicista egli stesso, si ipotizzò che Pressenda avesse fatto il suo apprendestato a Cremona (come da lui sostenuto). Recenti ricerche dimostrano che, nonostante la buona educazione che ha ricevuto egli è stato un agricoltore per lungo tempo: l'ipotesi dell'apprendistato cremonese è stata dunque smentita.

In realtà il suo apprendistato cominciò a Torino poco dopo il 1815 nella bottega di Lete-Pillement, una bottega che si occupava di diversi tipi di strumenti musicali. Vi rimase poco tempo: verso il 1821 fu in grado di aprire il suo proprio studio. Da allora, grazie anche al supporto dei principali violinisti di Torino, Giovanni Battista Polledro e Giuseppe Ghebart, la reputazione di Pressenda crebbe costantemente.

Pressenda morì a Torino il 12 dicembre 1854 in solitudine e povertà. È considerato uno tra i più importanti liutai della Scuola di Torino.

Controllo di autorità VIAF: (EN18940642 · LCCN: (ENn96009352
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie