Giovanni Francesco Brivio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vincenzo Foppa, Ritratto di Giovanni Francesco Brivio, Museo Poldi Pezzoli di Milano

Giovanni Francesco Brivio (... – Milano, 2 dicembre 1517), fu un alto funzionario del Ducato di Milano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Giacomo Stefano Brivio e di Antonia Gallerani, sorella della famosa Cecilia Gallerani, e proveniente da un'importante famiglia del patriziato milanese, Giovanni Francesco fu Questore del Magistrato Ordinario, Conte e Signore di Melegnano, e sedette nel Consiglio Generale dal 1513.

Fu molto attivo politicamente. Partitante per gli Sforza anche a costo dell'esilio dopo la calata dei francesi, nel 1512 venne investito da Ottaviano Sforza del feudo di Melegnano, ed ottenne inoltre la carica di Capitano di Giustizia e Vicario Ducale. Attivo non solo politicamente, ma anche come mecenate, commissionò attorno al 1495 il ritratto eseguito dal pittore Vincenzo Foppa, attualmente conservato presso il Museo Poldi Pezzoli.

Sposò la nobildonna Margherita Landriani e morì il 2 dicembre 1517 a Milano; venne sepolto nella chiesa di Santa Maria presso San Satiro, dove era prevista la sua sepoltura in marmo nella cappella di S. Teodoro, già commissione di Ludovico Maria Sforza.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]