Giovanni Bianconi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Bianconi (Roma, 23 giugno 1960) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine degli Anni Settanta, durante gli studi universitari (è laureato in Scienze Politiche alla Libera Università Internazionale degli Studi Sociali), inizia la carriera giornalistica collaborando, con una propria rubrica, al quotidiano Avvenire. Per molti anni redattore del quotidiano torinese La Stampa, attualmente è inviato del Corriere della Sera, per il quale segue le più importanti vicende giudiziarie e di cronaca.

Dalla banda della Magliana al sequestro Moro[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Bianconi ha scritto vari libri, raccontando con acume e gusto per i particolari le vicende criminali avvenute nella capitale negli ultimi trent'anni: dalla funesta vicenda della Banda della Magliana, al terrorismo "nero" dei Nuclei Armati Rivoluzionari di Giusva Fioravanti. È uno dei giornalisti italiani che meglio conoscono la storia dei gruppi dell'eversione interna: nei suoi ultimi saggi, ha analizzato con l'ausilio della gran mole di documentazione giudiziaria e dei rapporti investigativi dell'epoca, il fenomeno delle Brigate Rosse e la complessa - e in parte ancora oscura - vicenda del sequestro di Aldo Moro. Per l'attività svolta si può annoverare tra gli appartenenti alla migliore tradizione di giornalismo investigativo italiano.

Opere pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN38590519

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]