Giovanni Battista Vitali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Battista Vitali (Bologna, 18 febbraio 1632Modena, 12 ottobre 1692) è stato un compositore e violinista italiano del periodo barocco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vitali nacque a Bologna nel 1632, dove fu allievo di Maurizio Cazzati; nel 1658 incominciò a suonare presso la cappella della Basilica di San Petronio (alcuni documenti dell'epoca indicano che era suonatore di "Violone da brazzo"), poi divenne maestro di cappella nella chiesa del Santissimo Rosario. A Bologna nel febbraio 1671 l'oratorio Agare ebbe la prima assoluta a Bologna ed il 16 marzo 1672 Il Gefte overo Il zelo imprudente. Giunto a Modena nel 1677, rese servizio presso la corte Estense, di cui fu primo maestro effettivo della cappella ducale dal 1684 fino alla morte, avvenuta nel 1692.

Grande virtuoso di violino, Vitali eccelse nella produzione strumentale, dove realizzò una sintesi tra il contrappuntismo della sonata da chiesa e la libera invenzione melodica di quella da camera. Influenzato da Lully, fu tra i primi insieme a Giuseppe Torelli ad introdurre il minuetto nella suite italiana; viene da molti studiosi considerato uno dei maggiori autori di Concerti e Sonate nella seconda metà del secolo XVII; difatti la sua arte influenzò profondamente Arcangelo Corelli e Henry Purcell.

Delle sue 14 opere a stampa, 12 sono strumentali e 2 consistono in salmi e inni concertati.

Composizioni[modifica | modifica wikitesto]

Opere a stampa[modifica | modifica wikitesto]

  • Correnti e balletti da camera, op. I (Bologna, 1666 ca.)
  • Suonate à due violini col suo Basso continuo per l'organo, op. II (Bologna, 1667)
  • Balletti et correnti alla francese, op. III (Bologna, 1667)
  • Balletti, correnti, gighe, allemande et sarabande à violino, violone o spinetta con il secondo violino a beneplacito, op. IV (Bologna, 1668)
  • Suonate à due, tre, quattro e cinque stromenti, op. V (Bologna, 1669)
  • Salmi concertati, op. VI (Modena, 1677)
  • Varie partite del passemezo, ciaccona, capricci e passagalli à tre; due violini e violone o spinetta, op. VII (Modena, 1682)
  • Balletti, correnti et capricci per camera, op. VIII (Modena, 1683)
  • Suonate da chiesa à due violini, op. IX (Modena, 1684)
  • Hinni sacri, op. X (Modena, 1684)
  • Varie sonate alla francese e all'itagliana à sei stromenti, op. XI (Modena, 1684)
  • Balli in stile francese à cinque stromenti, op. XII (Modena, 1685)
  • Artificii musicali nei quali si contengono canoni in diverse maniere, contrappunti doppi, curiose inventioni, capritii et sonate, op. XIII (Modena, 1689)
  • Suonate da camera à tre, due violini et violone, op. XIV (Modena, 1692)

Oratori[modifica | modifica wikitesto]

  • Agare (di Giovanni Battista Mauritio. Bologna, 1671)
  • Il Gefte overo il zelo imprudente (di Benedetto Giuseppe Balbi. Bologna, 1672)
  • La fede trionfante per il martirio del glorioso San Floro (di Bartolomeo Righi. Bologna, 1678)
  • L'ambitione debellata overo La caduta di Monmuth (di Giovanni Antonio Canal. Modena, 1686)
  • Il Giona (di Domenico Bartoli. Modena, 1689)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Battista Vitali, Sonatas Op. XI, Semperconsort, Luigi Cozzolino; Brilliant Classics 2010
  • Giovanni Battista Vitali, Triosonatas Op. 2, Semperconsort, Luigi Cozzolino; Brilliant Classics 2012

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN27133416 · LCCN: (ENn81055137 · ISNI: (EN0000 0001 1047 3256 · GND: (DE123600936 · BNF: (FRcb123082202 (data) · CERL: cnp01073263