Giovan Battista Pichierri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giovanni Battista Pichierri)
Giovan Battista Pichierri
arcivescovo della Chiesa cattolica
Giovanni Battista Pichierri.jpg
Coat of arms of Giovanni Battista Pichierri.svg
Opòrtet illum crescere
Titolo Trani-Barletta-Bisceglie e Nazareth
Incarichi attuali Arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie e Nazareth
Incarichi ricoperti Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano
Nato 12 febbraio 1943 a Sava
Ordinato presbitero 30 agosto 1967 dal vescovo di Oria Alberico Semeraro
Nominato vescovo 21 dicembre 1990 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 26 gennaio 1991 dal vescovo Armando Franco
Elevato arcivescovo 13 novembre 1999 da papa Giovanni Paolo II

Giovan Battista Pichierri (Sava, 12 febbraio 1943) è un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha frequentato il ginnasio nel seminario diocesano di Oria e il Liceo e gli studi filosofici e teologici nel Pontificio Seminario Regionale Pugliese "Pio XI" di Molfetta. Ha conseguito la licenza in Teologia presso l'Istituto Teologico Ecumenico di Bari.

È stato ordinato sacerdote il 30 agosto 1967.

È stato:

  • padre spirituale del seminario diocesano;
  • animatore e poi rettore nel seminario liceale regionale di Taranto;
  • delegato vescovile;
  • assistente ecclesiastico delle religiose;
  • segretario dell'Ufficio pastorale;
  • membro del Consiglio presbiterale;
  • membro del Consiglio pastorale;
  • membro del Collegio dei consultori;
  • delegato diocesano per le confraternite;
  • insegnante di Religione nel liceo scientifico di Manduria;
  • arciprete parroco della collegiata di Manduria;
  • vicario generale.

Il 21 dicembre 1990 è stato nominato vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 26 gennaio 1991 dal vescovo Armando Franco (coconsacranti: arcivescovo Andrea Mariano Magrassi, arcivescovo Benigno Luigi Papa).

Il 13 novembre 1999 è stato nominato arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie. Ha preso possesso dell'arcidiocesi il 26 gennaio 2000.

Il 19 ottobre 2012 ha indetto il sinodo arcidiocesano, che si è concluso nel 2016, dopo tre fasi annuali che tratteranno temi diversi.[1]

Apostolato[modifica | modifica wikitesto]

Si è dimostrato difensore della teologia del Concilio Vaticano II, facendosi promotore del dialogo con il mondo ebraico e con le altre confessioni cristiane, e tollerando l'applicazione nella propria arcidiocesi del Summorum Pontificum di Benedetto XVI per l'uso della messa tridentina[2].

Dialogo interreligioso[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2008 ha concesso a una comunità pugliese della Chiesa ortodossa rumena la chiesa di San Martino, a Trani.[3]

Ha favorito la comunità ebraica locale con la restituzione della chiesa di Santa Maria di Scolanova, già sinagoga Scolanova di Trani, riaperta al culto nel 2005, e della chiesa di Sant'Anna, già Sinagoga Grande, convertita nella sezione ebraica del locale museo diocesano e inaugurata l'8 novembre 2009.[4]

Il 4 settembre 2010 si è recato in preghiera presso la sinagoga Scolanova, segnando la prima visita ufficiale di un vescovo di Trani presso un locale luogo di culto ebraico.[5]

Politica[modifica | modifica wikitesto]

Le sue dichiarazioni al sito Pontifex in difesa di Silvio Berlusconi hanno ricevuto visibilità sulla stampa nazionale.[6][7]

Di simpatie monarchiche, ha ricevuto dal principe Vittorio Emanuele di Savoia la commenda dell'Ordine Cavalleresco dei Santi Maurizio e Lazzaro.[8] Nel marzo 2013 ha officiato nella cripta della cattedrale di Trani una messa di suffragio per il re Umberto II, nel trentesimo anniversario della sua scomparsa.[9]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

È stato indagato, assieme ad alcuni suoi collaboratori, per usura reale presso la procura di Trani. Non risultò nulla a suo carico.[10][11] [12]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce di Grazia Ecclesiastica del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (Casa di Borbone-Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce di Grazia Ecclesiastica del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (Casa di Borbone-Due Sicilie)
— [13]
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— [14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Primo sinodo storico per la Diocesi di Trani, il resoconto dell'inaugurazione. Le foto, Giornale di Trani, 20 ottobre 2012
  2. ^ La guerra dei vescovi contro il Motu Proprio Summorum Pontificum cura, unavox.it. URL consultato il 04-03-2011.
  3. ^ Benvenuto alla Chiesa ortodossa romena nella chiesa di S. Martino in Trani, unavox.it. URL consultato il 04-03-2011.
  4. ^ Domenica si inaugura la sezione ebraica del museo Diocesano, traniweb.it. URL consultato il 04-03-2011.
  5. ^ La «prima volta» del vescovo di Trani in sinagoga: sabato prossimo, in pieno «shabbat», radiobombo.com. URL consultato il 04-03-2011.
  6. ^ Bertolaso: Mons. Pichierri, colpito per attaccare Berlusconi, repubblica.it. URL consultato il 04-03-2011.
  7. ^ Ispettori a Trani, scontro Csm-Alfano, corriere.it. URL consultato il 04-03-2011.
  8. ^ E i monarchici arruolano adepti on line, ricerca.repubblica.it. URL consultato il 17-03-2013.
  9. ^ Trani ricorda Re Umberto, traniviva.it. URL consultato il 23-03-2013.
  10. ^ Usura reale, vescovo indagato. Palazzo nobiliare comprato a metà prezzo, corrieredelmezzogiorno.corriere.it. URL consultato il 23-02-2012.
  11. ^ Trani, sigilli a Palazzo Broquier. È l'edificio comprato dal vescovo, corrieredelmezzogiorno.corriere.it. URL consultato il 23-02-2012.
  12. ^ Palazzo Broquier-D’Amely, accordo tra Diocesi ed ex proprietari. Chiusa la vertenza, tranilive.it. URL consultato il 23-12-2012.
  13. ^ Dal sito web del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.
  14. ^ E i monarchici arruolano adepti on line, ricerca.repubblica.it. URL consultato il 17-03-2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN89031064