Giovanni Battista Lampi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto della duchessa Elisabetta di Württemberg

Giovanni Battista Lampi, detto l'Antico (Romeno, 31 dicembre 1751Vienna, 11 febbraio 1830), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Matthias Lamp, anch'egli pittore, imparò i primi rudimenti della pittura dal padre e dal cugino Pietro Antonio Lorenzini.[1] Dopo aver studiato in più luoghi e particolarmente a Verona (dove fu allievo di Francesco Lorenzi), dipinse ritratti e pale a Trento, quindi si trasferì in Austria, a Innsbruck, Klagenfurt e Vienna, dove Giuseppe II lo nominò professore all'Accademia. Fu attivo anche in Polonia ed in Russia alle corti di Stanisław Poniatowski e di Caterina II. Lampi arrivò a San Pietroburgo nel 1791, su invito del segretario di Caterina II, il generale Popov, che aveva avuto modo di conoscerlo ed apprezzarlo a Varsavia. La protezione della grande Caterina, da lui ritratta più volte, procurò al maestro molti importanti incarichi, tanto che in Russia si trattenne per più di sei anni, fino alla morte dell' imperatrice. Rientrato a Vienna, fu nominato Cavaliere dell' Impero e gli fu conferito un titolo nobiliare. All’ultimo periodo, trascorso a Vienna, appartengono ritratti ufficiali (A. Canova, 1806, Vienna, Österreichische Galerïe), ma anche immagini più intense, legate all’ambiente familiare (G. Battista Lampi junior con il nipote, Innsbruck, Museo Ferdinandeum). Con l' Autoritratto del 1728 (Vienna, Österreichische Galerïe) termina la sua fortunata attività artistica che fa di Lampi il più importante ed acuto ritrattista neoclassico. I suoi dipinti sono caratterizzati dall'espressività dei volti, dalla luminosità dei tratti, dallo splendore degli abiti e dalla minuzia dei dettagli e morbidezza cromatica. Ritrasse i personaggi più importanti della sua epoca, come Caterina di Russia, l' imperatore d'Austria Giuseppe II, Jan Potocki, autore del Manoscritto trovato a Saragozza, lo scultore Antonio Canova, la contessa Potocka con la figlia. Suoi dipinti sono conservati in molti musei, tra questi: Kunsthistorisches Museum - Vienna; Galleria Palatina ed Appartamenti Reali (Palazzo Pitti) - Firenze; Museo del Louvre - Parigi; Museo dell'Ermitage - San Pietroburgo; National Gallery of Denmark - Copenaghen; National Gallery of Scotland - Edinburgo; Museo del Belvedere - Vienna; Museo Nazionale - Varsavia; Museo Castello del Buonconsiglio - Trento; Museo di Belle Arti - Budapest; Galleria civica - Bolzano.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giambattista Lampi, ritrattista di fama europea. URL consultato il 15/06/2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN5194786 · LCCN: (ENn2002056728 · SBN: IT\ICCU\CFIV\186454 · ISNI: (EN0000 0001 0865 4701 · GND: (DE122303660 · BNF: (FRcb14955700f (data) · ULAN: (EN500004776