Giovanni Antonelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il medico anatomista, vedi Giovanni Antonelli (medico).
Giovanni Antonelli

Giovanni Antonelli (Pistoia, 1º ottobre 1818Firenze, 14 gennaio 1872) è stato uno scienziato, astronomo e matematico italiano, religioso dell'ordine degli Scolopi.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Candeglia, piccola frazione di Pistoia, scolopio, svolse la funzione di padre provinciale delle Scuole Pie in Toscana. Allievo del confratello Giovanni Inghirami, fu chiamato nel 1844 a Firenze per sostituirlo nell'insegnamento della matematica e nella direzione dell'Osservatorio Ximeniano, di cui divenne direttore effettivo nel 1851 sino alla morte.[1] Si occupò di astronomia, di fisica, di ingegneria e si dedicò anche alla progettazione di linee ferroviarie (all'epoca vera novità), dove raggiunse eccellenti risultati, in particolare la linea Firenze-Faenza, la ferrovia tra Lucca e Reggio Emilia e quella tra Sansepolcro e il centro Italia.[1] Revisionò la triangolazione geodetica della Toscane e costruì la carta della diocesi di Pisa. Si occupò inoltre di studi idraulici, inclusi la bonifica del padule di Fucecchio e il miglioramento del regime idraulico del lago di Orbetello.[1]

Nel 1858 venne installato per la prima volta sul campanile del Duomo di Firenze un parafulmine, progettato in collaborazione con Filippo Cecchi. Sempre con padre Cecchi, Antonelli collaborò alla realizzazione dei primi prototipi di motore a combustione interna di Eugenio Barsanti e Felice Matteucci, mettendo a completa disposizione dei due la sua dotta scienza.

Morì a Firenze il 14 gennaio 1872.[1]

Padre Giovanni Antonelli ha lasciato diversi scritti: ha trattato argomenti di ingegneria, matematica e idraulica; ha anche redatto Sulle dottrine astronomiche della Divina Commedia (1865), un commento ai passi astronomici della Divina Commedia.

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

Il fondo comprende il carteggio e gli appunti scientifici di Giovanni Antonelli[2]; il carteggio ufficiale dell'Osservatorio Ximeniano formatosi sotto la sua direzione è conservato presso l'archivio storico della Provincia Toscana dell'ordine degli Scolopi, che ha sede nell'Osservatorio[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Antonelli Giovanni, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  2. ^ Fondo Antonelli Giovanni, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  3. ^ Osservatorio Ximeniano, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 20 dicembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Boaga, «ANTONELLI, Giovanni», in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 3, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1961.
  • Antonèlli, Giovanni, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56253442 · ISNI (EN0000 0000 6132 9935 · SBN IT\ICCU\LO1V\168444 · LCCN (ENno99086273 · BNF (FRcb104927720 (data)