Giovanni Anselmo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Anselmo (Borgofranco d'Ivrea, 1934) è uno scultore e pittore italiano.

Autodidatta, lavora con la pittura ad olio fino al 1964; nel 1967 esordisce in una collettiva alla Galleria Sperone di Torino con opere polimateriche. Tra il 1967 e il 1968 entra nel gruppo dell'Arte povera, partecipando alla mostra curata da Germano Celant alla Galleria de' Foscherari di Bologna. La prima personale è dell'aprile 1968 di nuovo alla Galleria Sperone.

Biografia di Giovanni Anselmo[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Borgofranco d'Ivrea il 5 agosto 1934, Anselmo accosta materiali di natura inorganica e prodotti organici, tipicamente di origine agricola. Si può trovare questo accostamento ad esempio nella sua Scultura che mangia, del 1968, composta da insalata e da un blocco di granito[1]. Un'altra sua opera sempre dello stesso anno, è Torsione, creata con granito, legno e pelle animale. Il suo lavoro tende alla materializzazione delle forze fisiche, statiche e dinamiche, allo spontaneo riequilibrarsi e redistribuirsi delle forze nell'allestimento.[2]

Nel 1990 Anselmo ha vinto il Leone d'Oro per la Pittura alla Biennale di Venezia[3].

I suoi lavori sono esposti in musei in tutto il mondo, fra i quali: l'Hirshhorn Museum and Sculpture Garden di Washington, il Museum of Modern Art di New York, il San Francisco Museum of Modern Art ed il DePaul University Museum di Chicago[4].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1968 : Scultura che mangia.
  • 1969 : Respiro.
  • 1971 : Infinito[5].Un mattone di piombo con l'iscrizione "finito" al bordo della sua faccia superiore, che può suggerire che la sillaba "in" sia stata tagliata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IT) Biografia di Giovanni Anselmo. URL consultato il 21 settembre 2017.
  2. ^ Pirovano 1993, pp. 609-610.
  3. ^ (IT) Rai Arte, La fisicizzazione della forza. Giovanni Anselmo, in Il portale di RAI Cultura dedicato all'arte e al design. URL consultato il 21 settembre 2017.
  4. ^ (IT) Anselmo, Giovanni in "Enciclopedia Italiana", su www.treccani.it. URL consultato il 21 settembre 2017.
  5. ^ Giovanni Anselmo, su www.archivioanselmo.com. URL consultato il 21 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Pirovano (a cura di), Il Novecento/2 : 1945-1990, vol. 2, Milano, Electa, 1993, ISBN 88-435-3982-5.
  • Lea Vergine, Body art e storie simili. Il corpo come linguaggio, Milano, Skira, 2000, ISBN 88-8118-680-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN262615062 · LCCN: (ENn84120099 · SBN: IT\ICCU\CFIV\097137 · ISNI: (EN0000 0000 8182 6621 · GND: (DE119213559 · BNF: (FRcb119430592 (data) · ULAN: (EN500053922