Giovanni Andrea Carlone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Andrea Carlone, La Gloria di S. Ignazio di Loyola, il Gesù, Roma

Giovanni Andrea Carlone o Carloni (Genova, 16 maggio 1639Genova, 4 aprile 1697) è stato un pittore svizzero-italiano.

Il padre, Giovanni Battista e il nonno, Giovanni, erano a loro volta pittori.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le sue origini artistiche, in realtà, risalivano però ancora più indietro nel tempo: la famiglia Carlone, proveniente dal Canton Ticino, era infatti attiva a Genova sin dal secolo precedente, a partire dall'attività di Taddeo Carlone, scultore e architetto. Giovanni Andrea, a differenza del padre, dopo aver lavorato nella sua bottega, si era però formato sugli artisti dell'Italia centrale, operando da apprendista nella bottega romana di Carlo Maratta (da cui apprese il gusto per il classicismo, che unito a quello di Andrea Sacchi fu per lui fonte di ispirazione) e da qui spostandosi in numerose città (Napoli, Palermo, Messina, Venezia, Padova, Ferrara, Bologna, Modena, Parma e Piacenza) e studiando da vicino l'arte umbra. Fu proprio a Roma, dove conobbe Gianlorenzo Bernini, e a Perugia che la sua attività fu fervente: nella Città eterna lavorò alla Chiesa del Gesù (1673-1678), a Palazzo Altieri (1674-1677) e all'Accademia di San Luca (1675), dipingendo nel frattempo per il Pantheon, mentre in Umbria ottenne l'incarico di decorare la Chiesa del Gesù, la Chiesa Nuova di San Filippo Neri (1666-1669) e la Chiesa di Sant'Ercolano. Nella città umbra diede vita a un'Accademia artistica nella quale espresse le sue forme, permeate dalle contaminazioni di Pietro da Cortona e Giovanni Battista Gaulli. Quest'ultimo fu suo compagno di viaggio nelle visite alle principali città italiane.

Dopo il periodo perugino, però, nel 1677 Carlone tornò a Genova, dove fu autore di vasti cicli di affreschi, conservati nella Chieda di Nostra Signora del Carmine e Sant'Agnese (1677-1682), a Palazzo Rosso (1691-1692), nell'Aula Magna del Palazzo dell’Università (1683) e nella Basilica della Santissima Annunziata del Vastato (1694-1696). In Liguria la sua attività si estese anche alla riviera.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Storie di Giosuè, affreschi, - Perugia, Chiesa del Gesù, tribuna, tra il 1666 e il 1667.
  • Quattro Evangelisti, affreschi, - Perugia, Chiesa di San Filippo Neri (Chiesa Nuova), pennacchi della cupola, 1667.
  • Episodi dell'Antico Testamento, affreschi, - Perugia, Chiesa di San Filippo Neri (Chiesa Nuova), volta del presbiterio, tra il 1668 e il 1669.
  • Presentazione di Maria, affreschi, - Perugia, Chiesa di San Filippo Neri (Chiesa Nuova), cappella Bigazzini, 1669.
  • Annunciazione, olio su tela, - Genova, Chiesa di Santa Maria delle Vigne, cappella Corrieri, prima del 1670.
  • Le sante Lucia e Apollonia e san Bernardino in adorazione dell'Eucarestia, pala d'altare, - Montoggio, Chiesa di San Giovanni Decollato, 1670
  • Virtù Eroica, affresco, - Perugia, Palazzo Ferretti (ora Biblioteca comunale Augusta), sala, 1670.
  • Giove trionfante su Nettuno e Plutone, affreschi, - Foligno, Villa Clio Carpello, otto sale, 1670.
  • Miracoli del Santissimo Sacramento e Storie di Davide, nove quadri ad olio, - Assisi, Cattedrale di San Rufino, Cappella del Santissimo Sacramento, 1670.
  • La Vittoria di Gedeone sui Madianiti, affreschi, - Assisi, Duomo di San Rufino, Cappella del Santissimo Sacramento, tribuna e calotta absidale, 1670.
  • Virtù che abbatte la discordia e il Trionfo della verità, affreschi, - Genova, Palazzo di Francesco Maria Balbi, due sale, 1670.
  • Affreschi (ora distrutti), - Perugia, Palazzo dei Priori, anticamera, 1672.
  • Assunzione della Vergine e le Virtù Teologali, affreschi, - Assisi, Cattedrale di San Rufino, Cappella del Santissimo Sacramento, tribuna e calotta absidale, 1673 circa.
  • Elia che chiama il fuoco, affresco, - Assisi, Duomo di San Ruffino, parte anteriore della navata, 1673.
  • Il Crocifisso di San Francesco Saverio caduto in mare e portato a riva da un granchio, San Francesco Saverio battezza una regina indiana e la Apoteosi del Santo, affreschi, - Roma, Chiesa del Gesù, cappella di San Francesco Saverio, volta, 1673-1678.
  • Sibilla Eritrea, olio su tela, - Roma, Pantheon, cappella di San Giuseppe, 1674.
  • Fregio decorativo, affreschi, - Roma, Palazzo Altieri, Sala Verde, 1674-1677.
  • Episodio della vita di San Paolo, affreschi, - Perugia, Chiesa di Sant'Ercolano, 1675.
  • Eliseo moltiplica l'olio alla vedova, Elia e i profeti di Baal, due quadri ad olio su tela, - Genova, Chiesa di Nostra Signora del Carmine, navata, 1678 circa.
  • Sante e santi Carmelitani e la Gloria di Santa Teresa d'Avila, quadri ad olio su tela, - Genova, Chiesa di Nostra Signora del Carmine, sagrestia, 1678 circa.
  • Visitazione e presentazione di Maria al Tempio, olio su tela, - Genova, Basilica della Santissima Annunziata del Vastato, Cappella Gentile, 1678.
  • Il profeta Aggeo, olio su tela, - Genova, Basilica della Santissima Annunziata del Vastato, cupola, 1694-1696.
  • Gloria di Sant'Agostino, Discesa dello Spirito Santo, Virtù, affreschi, - Genova, Chiesa del convento di San Bartolomeo all'Olivella, 1681.
  • Apparizione del Bambino a San Filippo Neri, olio su tela,- Spotorno, Chiesa parrocchiale, 1688.
  • Visione di Santa Brigida di Svezia, olio su tela, - Genova, Chiesa della Misericordia, 1689.
  • San Francesco di Paola, olio su tela, - Genova, Chiesa del Rimedio, 1689.
  • Il Crocifisso abbraccia San Nicola da Tolentino, olio su tela, - Genova, Chiesa di San Nicola, 1690 circa.
  • Allegoria delle Arti liberali, Allegoria della Vita dell'Uomo, affreschi, - Genova, Palazzo Brignole-Sale (Palazzo Rosso), due sale, tra il 1691 e il 1692.
  • Ercole incatena Cerbero, Giudizio di Prometeo, Supplizio di Tizio, affreschi, - Genova, Cappella di Palazzo Reale, tra il 1694 e il 1696.
  • Storie di San Sebastiano, affreschi, - Genova, Cattedrale di San Lorenzo, Cappella Senarega, volta, 1695[1].

All'elenco vanno aggiunti gli affreschi, ormai distrutti per un crollo avvenuto nel 1868, realizzati nel tetto dell'Aula Magna del Palazzo dell'Università (ex Collegio dei Gesuiti) di Genova.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mollisi, 2004, 40-50.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN20526944 · LCCN: (ENn99028295 · ULAN: (EN500029439