Giovanbattista Davoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanbattista Davoli

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature VIII (11 giorni)
Gruppo
parlamentare
MSI-DN
Circoscrizione Sicilia-2
Collegio Catania-Messina
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Professione docente universitario

Giovanni Davoli, all'anagrafe Giovanbattista Davoli (Messina, 24 luglio 1944Messina, 1º dicembre 2017), è stato un docente e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dirigente del FUAN all'Università di Messina alla fine degli anni '60, dopo il Sessantotto lascia l'organizzazione giovanile missina e diviene presidente per gli atenei di Messina e Reggio Calabria del Movimento studentesco europeo, organizzazione studentesca di estrema destra. Nel marzo 1969 è alla guida degli studenti di destra che occupano il rettorato, con scontri con gli studenti di sinistra[1].

Laureatosi in Giurisprudenza, diviene assistente universitario alla facoltà di economia e commercio dell'università di Messina e nel 1972 rientra nel Movimento Sociale Italiano - Destra Nazionale, aderendo alla corrente di Pino Rauti. Nel 1975 diviene consigliere comunale di Messina, dove rimarrà fino al 1990 anno in cui diviene docente ordinario di Istituzioni di Diritto pubblico nell'ateneo messinese. Nel 1981 è eletto deputato all'Assemblea regionale siciliana, nel collegio provinciale di Messina per il Movimento Sociale Italiano[2].

Il 30 marzo 1983 subentra alla Camera dei deputati a Orazio Santagati, fino all'11 aprile dello stesso anno, aderendo al gruppo del MSI[3], ma opta per restare all'Ars, dove non è confermato nel 1986. Negli anni 90 si è candidato a sindaco di Messina con una lista civica.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Un'idea per Messina, ISSPE, 1983
  • Giovani senza futuro?, ISC, 1984
  • Problemi attuativi dell'articolo 46 della Costituzione, Giuffrè, 1990
  • La partecipazione come diritto di libertà costituzionalmente garantito, ISSPE, 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]