Giovan Battista Contini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovan Battista Contini (Montalcino, 7 maggio 1642[1]Roma, 16 ottobre 1723) è stato un architetto italiano, protagonista dell'ultima fase del barocco romano.

La torre della cattedrale di Saragozza, realizzata su disegno di Contini.

Figlio dell'architetto Francesco Contini e allievo di Gian Lorenzo Bernini, fu personalità poliedrica ed operò nel campo dell'architettura civile, di quella religiosa, dell'urbanistica, del teatro e dell'ingegneria idraulica. Fu membro dell'Accademia nazionale di San Luca, collaboratore di Carlo Fontana e maestro di Gabriele Valvassori.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'architetto romano di scuola borrominana Francesco Contini e di Agata Baronio di Arcangelo, fu allievo del padre e di Gian Lorenzo Bernini, cui rimase legato per tutta la vita.[2] Con lui realizzò il sepolcro di Alessandro VII.[2]

Inizialmente lavorò a Roma, per poi ricevere commissioni da varie città dello Stato Pontificio e del Regno di Napoli.[2] Divenne celebre come progettista delle decorazioni di cappelle nobiliari e fu l'autore di numerosi allestimenti festivi e catafalchi per commemorazioni funebri.[3] Una delle sue prime opere fu la cappella Marcaccioni nella romana Santa Maria del Suffragio (1674).[2][4] Più rilevante furono tuttavia la cappella di Santa Caterina realizzata per gli Elci nella basilica di Santa Sabina — in cui l'architetto rende al meglio gli effetti della luce e della policromia degli stucchi — e quella di San Pietro d'Alcantara realizzata per i De Angelis nella basilica di Santa Maria in Aracoeli.[2]

Alla morte del Bernini, nel 1680, gli successe come architetto della Camera apostolica e dell'Acqua Vergine.[2] Nel 1683 divenne principe dell'Accademia nazionale di San Luca,[2][4] dove fu tuttavia poco attivo; in questo periodo realizzò il progetto per il campanile della cattedrale di Saragozza.[2] Successe inoltre a Francesco Borromini nella fabbrica della chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza dove realizzò l'altare.[2] Nel 1689 gli fu commissionata la chiesa e il convento dei Filippini a Macerata; il primo progetto non ricevette l'approvazione dell'ordine cosicché Contini ne produsse un altro — a pianta ovale trasversale, di chiara derivazione berniniana — nel 1705 che venne poi realizzato dopo la sua morte, nel 1732.[2] Sempre a Macerata, realizzò il Palazzo Buonaccorsi. Dal 1689 al 1704 collaborò inoltre con Carlo Fontana con il quale progettò anche la sistemazione dei giardini del cortile del Belvedere a Roma.[4] Nello stesso periodo costruì il Palazzo della Badia a Monterosi e la chiesa di San Domenico a Ravenna.[2]

Dopo il terremoto dell'Aquila del 1703, al culmine della sua carriera, venne chiamato per il restauro della basilica di San Bernardino ma il suo progetto — che prevedeva un'ardita struttura a prisma ottagonale alzata a tutta l'altezza del tamburo, già disegnata per la chiesa di Sant'Agostino,[2] realizzata a partire dal 1720 sempre all'Aquila — non ricevette approvazione.[5] Il Contini comunque supervisionò i lavori di rifacimento della basilica insieme a Filippo Barigioni e Sebastiano Cipriani.[5] In questo periodo realizzò a Roma la chiesa delle Santissime Stimmate di San Francesco con gli angoli concavi che anticipano lo stile di Filippo Juvarra ed i cui lavori inizieranno solamente nel 1714.[2] Progettò poi, su commissione del marchese Marescotti, la nuova chiesa di Santa Maria della Presentazione a Vignanello, realizzata tra il 1719 ed il 1723.[2] Sulla stessa piazza, realizzò il Palazzo Marescotti, la sua ultima opera.[2]

Il Contini fu inoltre autore di scenografie e spazi per il teatro; nel 1712 allestì per il principe Francesco Maria Marescotti Ruspoli il teatro dell'Arcadia e numerose altre opere.[2] Fu inoltre attivo nel campo dell'ingegneria idraulica e, tra il 1690 ed il 1693 venne chiamato a fronteggiare le inondazioni del Po nella pianura Padana.[2]

Morì il 16 ottobre 1723 a Roma venendo sepolto nella cappella di famiglia nella chiesa Nuova.[2]

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La data e il luogo di nascita sono controversi; Laura Picchiotti, Giovan Battista Contini nei disegni inediti dell'archivio di S. Maria della Pietà, in L'ospedale dei pazzi dai papi al 900, vol. 2, Roma, Prisma, 1996.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s Hellmut Hager (a cura di), Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 28, Roma, Enciclopedia Treccani, 1983. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  3. ^ M. C. Cola, Il catafalco di Giovan Battista Contini per le esequie di Bartolomeo Ruspoli nella chiesa di Santa Maria in Vallicella, in Aprosiana: rivista annuale di studi di Barocchi, nº 16, 2008.
  4. ^ a b c Laura Picchiotti, Giovan Battista Contini nei disegni inediti dell'archivio di S. Maria della Pietà, in L'ospedale dei pazzi dai papi al 900, vol. 2, Roma, Prisma, 1996.
  5. ^ a b Orlando Antonini, 'Architettura religiosa aquilana, I, Todi, Tau Editrice, 2010, p. 323.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Del Bufalo: G.B. Contini e la tradizione del tardomanierismo nell'architettura tra '600 e '700 Kappa, California 1982

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN37825547 · ISNI: (EN0000 0000 7244 1658 · SBN: IT\ICCU\RMLV\067249 · LCCN: (ENn83012076 · BNF: (FRcb11964170h (data) · ULAN: (EN500034903