Giosuè Maria Saggese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giosuè Maria Saggese, C.SS.R.
arcivescovo della Chiesa cattolica
Giosuè Maria Saggese.jpg
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo metropolita di Chieti (1838-1852)
 
Nato15 maggio 1800 a Ottaviano
Ordinato presbitero15 giugno 1823
Nominato arcivescovo17 settembre 1838 da papa Gregorio XVI
Consacrato arcivescovo23 settembre 1838 dal cardinale Carlo Odescalchi
Deceduto24 aprile 1852 a Chieti
 

Giosuè Maria Saggese (Ottaviano, 15 maggio 1800Chieti, 24 aprile 1852) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da Francesco e da Anna De Paschale, rimase presto orfano di entrambi i genitori e fu affidato alle cure del fratello maggiore, Giovanni. Abbracciò sedicenne la vita religiosa tra i redentoristi di Nocera dei Pagani: nel collegio calabrese di Stilo, ricevette l'abito religioso, fece il noviziato e, il 22 giugno 1817, emise la sua professione.

Fu ordinato prete a Cariati il 15 giugno 1823 dal vescovo Gelasio Serao e gli fu affidato l'insegnamento della teologia agli studenti redentoristi. Nel 1825 fu nominato rettore del collegio redentorista di Corigliano; allo studio e all'insegnamento unì sempre l'attività di confessore e predicatore di missioni popolari nelle campagne della Calabria.[1]

Nel 1838 fu preconizzato dal re delle Due Sicilie arcivescovo di Chieti, ma accettò la designazione solo quando papa Gregorio XVI gliene fece obbligo.[1]

Ricevette la consacrazione episcopale il 23 settembre 1838 nella chiesa di Santa Maria dell'Umiltà in Roma dal cardinale Carlo Odescalchi, vescovo di Sabina, assistito dagli arcivescovi Giuseppe Maria Vespignani di Tiana e Antonio Maria Traversi di Nazianzo.[2]

Tra il 1839 e il 1844 compì una visita pastorale di tutta la diocesi (la terza per dimensioni del Regno, dopo quelle di Napoli e Benevento);[3] promosse la costruzione e il restauro di numerose chiese.

Promosse nell'arcidiocesi la devozione eucaristica e, soprattutto, quella ai sacri Cuori di Gesù e Maria; introdusse il culto di sant'Alfonso Maria de' Liguori e di santa Filomena e promosse la definizione del dogma dell'Immacolata Concezione di Maria.[4]

Colpito da un favo maligno nel gennaio 1832, morì nell'aprile successivo e fu sepolto nella cappella del Santissimo Sacramento della cattedrale di Chieti: il 24 aprile 1964, sotto l'episcopato di Giovanni Battista Bosio, si procedette all'esumazione e alla ricognizione canonica del suo corpo, che fu nuovamente tumulato nel lato sinistro della cappella del Santissimo.[5]

Ebbe la dignità di prelato domestico e assistente al Trono pontificio e fu nominato commendatore del Reale ordine di Francesco I da re Ferdinando II.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b R. Cerasoli, Fonti documentarie..., p. 396.
  2. ^ Diario di Roma, n. 78 (1838), p. 1.
  3. ^ R. Cerasoli, Fonti documentarie..., p. 400.
  4. ^ R. Cerasoli, Fonti documentarie..., p. 397.
  5. ^ R. Cerasoli, Fonti documentarie..., pp. 398-399.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89429637 · BAV ADV11184335