Giosuè (sommo sacerdote)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giosuè nel "Promptuarii Iconum Insigniorum"

Giosuè (in ebraico: יְהוֹשֻׁוּעַ?) oppure in ebraico: יֵשׁוּעַ?), figlio di Iozadak, è il nome del primo sommo sacerdote che, secondo la Bibbia, esercitò questa funzione dopo il ritorno degli ebrei dalla cattività babilonese, presumibilmente dal 515 al 490 circa a.C. Il suo ruolo nella ricostruzione del Tempio di Gerusalemme fu particolarmente rilevante (cfr Zaccaria 6:9-14, Aggeo 1-2 ed Esdra 3 nella Bibbia).

Tomba[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1825 fu annunciato il ritrovamento della tomba di Giosuè nei pressi di Bagdad."[1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ United Foreign Missionary Society, American missionary register, J. & J. Harper, 1825, p. 280. URL consultato il 4 ottobre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]