Giose Rimanelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giose Rimanelli con la moglie Sheryl Postman nel 2017

Giose Rimanelli (Casacalenda, 28 novembre 1925Lowell, 6 gennaio 2018[1]) è stato uno scrittore, poeta e saggista statunitense nato e vissuto in Italia fino al 1960 e poi negli Stati Uniti d'America dal 1960 fino alla morte a 91 anni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di padre italiano (Vincenzo Rimanelli, emigrato molisano) e madre canadese (Concettina Minicucci), dal 1960 ha vissuto due anni in Canada e 56 anni negli Stati Uniti, dove ha insegnato Italiano e Letteratura comparata in varie università (New York University, Sarah Lawrence University, Yale University, British Columbia, University of California-Los Angeles e State University of New York at Albany), oltre a continuare la sua carriera di scrittore e poeta. Ha vissuto a Lowell (Massachussetts) per oltre 30 anni fino alla morte nel 2018, con la moglie Sheryl Lynn Postman (professore universitario all'University of Massachusetts-Lowell).[2]

Il suo nome è principalmente legato al romanzo Tiro al piccione (1953), fra i pochi esempi della cosiddetta "letteratura dei vinti" (i reduci della Repubblica Sociale Italiana), da cui è stato tratto il film omonimo per la regia di Giuliano Montaldo.[3][4][5]

Ha collaborato come critico teatrale e autore di commedie con la rivista Il dramma e come critico letterario, con lo pseudonimo di A. G. Solari, con Lo Specchio di Giorgio Nelson Page. In Canada, è stato caporedattore de Il cittadino canadese di Montréal.[2]

È stato il primo italiano invitato a parlare alla Biblioteca nazionale (la Biblioteca del Congresso) degli Stati Uniti nel 1960. Nel 1994, il suo primo romanzo in inglese, Benedetta in Guysterland (Guernica Press) ha vinto il prestigioso premio American Book Awards[6]. Nel 2008, ha ricevuto il Premio Acerbi (Castel Goffredo) per la carriera di successo in ambito della letteratura italoamericana.

È stato sposato con il professore Sheryl Lynn Postman (dal 1988 al 2018), e precedentemente col professore Betty Lorraine Quatrano-Rimanelli (dal 1963 al 1976) da cui ha avuto il figlio David Rimanelli (1963--, critico d'arte ed editore di Artforum), e la giornalista Liliana Chiurazzi-Rimanelli (dal 1956 al 1962) da cui ha avuto i figli Marco Rimanelli (1957--, professore alla Saint Leo University in Florida e editore del Florida Political Chronicle) e Michele Rimanelli (1960-2019, agente immobiliare).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

  • Giose Rimanelli, Tiro al piccione, Milano, Mondadori, 1953; Rist. Torino, Einaudi, 1991.
  • Giose Rimanelli, Peccato originale, Milano, Mondadori, 1954.
  • Giose Rimanelli, Biglietto di terza, Milano, Mondadori, 1958.
  • Giose Rimanelli (pseudonimo "Solari"), Il mestiere del furbo: panorama della narrativa italiana contemporanea, Milano, Sugar, 1959.
  • Giose Rimanelli, Una posizione sociale, Firenze, Vallecchi, 1959. Rist. col tit. La stanza grande, introduzione di Sebastiano Martelli, Cava dei Tirreni, Avagliano, 1996.
  • Giose Rimanellli e Roberto Ruberto (a cura), Modern Canadian Stories, Toronto: McGraw Hill-Ryerson Press, 1966.
  • Giose Rimanelli, Carmina blabla: versi e disegni, 1959-1967, Padova, Rebellato, 1967.
  • Giose Rimanelli, Monaci d'amore medievali, Roma, Trevi, 1967.
  • Giose Rimanelli, Tragica America, Genova, Immordino, 1968.
  • Giose Rimanelli e Kenneth J. Atchity (a cura), Italian Literature: Roots and Branches, New Haven, Yale University Press, 1976.
  • Giose Rimanelli, Graffiti, Isernia, Marinelli, 1977.
  • Giose Rimanelli, Molise, Molise, Isernia, Marinelli, 1979.
  • Giose Rimanelli, Moliseide: Songs and Ballads in the Molisan Dialect, New York: P. Lang, 1992.
  • Giose Rimanelli, Benedetta in Guysterland, Premio American Book Club Award 1994, Montreal, Guernica, 1993.
  • Giose Rimanelli, Detroit Blues, Welland, Soleil, 1997.
  • Giose Rimanelli, Accademia, Toronto, Guernica, 1997.
  • Giose Rimanelli, Moliseide and Other Poems, Ottawa, Legas, 1998.
  • Giose Rimanelli, Torquato di Tella e Michele Castelli, In nome del padre, Isernia, Iannone, 1999.
  • Giose Rimanelli, Familia: Memoria dell'Emigrazione, Isernia, Iannone, 2000.
  • Giose Rimanelli, Discorso con l'altro: Salò, la guerra civile e l'Italia del dopoguerra, Milano, Mursia, 2000.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Casacalenda, è morto a 91 anni lo scrittore Giose Rimanelli. Cordoglio e ricordo nel paese di origine, su Il Giornale del Molise.it, 7 gennaio 2018. URL consultato l'8 gennaio 2018.
  2. ^ a b Anna Maria Milone, Giose Rimanelli: lo scrittore itinerante (PDF), in Agon, n. 3, ottobre-dicembre 2014.
  3. ^ Nino Borsellino e Walter Pedullà (a cura di), Letteratura italiana del Novecento: Le forme del realismo, dal realismo magico al neorealismo, 1930-1960 II, Milano, Rizzoli, 2000, p. 659.
  4. ^ Giovanni Contini, Memorie dalla guerra civile, L'Italia e le sue Regioni, su Treccani.it, 2015. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  5. ^ Alberto Casadei e Marco Santagata, Manuale di letteratura italiana contemporanea, Bari, Laterza, 2007, p. 266.
  6. ^ Maude: A Novella, p. 96, p. 96.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Filippo Accrocca, Giose Rimanelli, in Ritratti su misura di scrittori italiani: Notizie biografiche, confessioni, bibliografie di poeti, narratori e critici, Venezia, Sodalizio del libro, 1960.
  • Renzo Frattarolo, Giose Rimanelli, in Ritratti letterari ed altri studi, Pisa, Giardini, 1966.
  • Raffaele Liucci, Giose Rimanelli, in Belfagor, n. 6, 30 novembre 1998, pp. 673-685.
  • Sebastiano Martelli (a cura di), Rimanelliana: studi su Giose Rimanelli, Stony Brook (N.Y.), Forum Italicum, 2000.
  • Sheryl Lynn Postman, Crossing the Acheron: A Study of Nine Novels by Giose Rimanelli, Legas (N.Y.), 2000.
  • Sheryl Lynn Postman, An Italian Writer's Journey through American Realities, Bordighera (N.Y.), 2012.
  • Sheryl Lynn Postman and Anthony Julian Tamburri (a cura di), Re-Reading Rimanelli in America: Six Decades in the United States, Bordighera (N.Y.),2016.
  • Anna Maria Milone, "La valigia é vuota. - L'arte di Giose Rimanelli" , Castelvecchi, 2020

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140089 · ISNI (EN0000 0001 1034 6484 · SBN IT\ICCU\RAVV\064955 · LCCN (ENn50045176 · BNF (FRcb12899819g (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n50045176