Giornata scolastica della non-violenza e della pace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo DENIP dal pittore Eulogio Díaz del Corral

La Giornata scolastica della non-violenza e della pace (Dia Escolar de la No-violència i la Pau, in catalano-balearico, DENIP), è la giornata educativa istituita in Spagna, nel 1964, dal poeta, pedagogo e pacifista maiorchino Llorenç Vidal Vidal (Lorenzo Vidal Vidal). [1] [2]

Si pratica il 30 gennaio di ogni anno, in occasione dell'anniversario della morte del Mahatma Gandhi, come punto di partenza per una educazione pacificatrice e non-violenta a carattere permanente. [3]

Diffusa a livello internazionale, è praticata in molti paesi, anche in scuole italiane. Il messaggio da meditare è: Amore universale, non-violenza e pace. L'amore universale è meglio che l'egoismo, la non-violenza è meglio che la violenza e la pace è meglio che la guerra. Nei paesi con calendari scolastici dell'emisfero sud è tenuta il 30 marzo o uno qualsiasi dei giorni vicini. In Italia è stata diffusa e sostenuta da Antonino Drago (pacifista) (Università degli Studi di Napoli e Università di Pisa), dai filosofi e attivisti Aldo Capitini (Università di Perugia) e Lanza del Vasto (Comunità dell'Arca e discepolo diretto di Gandhi), dal Movimento Internazionale di Riconciliazione, ecc. [4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Llorenç Vidal: "Fundamentación de una Pedagogía de la No-violencia y la Paz" (Edit. Marfil, Alcoy, 1971) e "No-violencia y Escuela. El 'Día Escolar de la No-violencia y la Paz' como experiencia práctica de Educación Pacificadora" (Edit. Escuela Española, Madrid, 1985)
  2. ^ "Fundamentos teóricos del Día Escolar de la No-violencia y la Paz" (DENIP)], Educación XXI, revista de la Facultad de Educación de la Universidad Nacional de Educación a Distancia, Madrid, núm. 6
  3. ^ Eulogio Díaz del Corral: Historia del pensamiento pacifista y no-violento contemporáneo, cap. 4º, Edit. Hogar del Libro, Barcelona, 1987
  4. ^ Eulogio Díaz del Corral: "Despedida de Lanza del Vasto", Ponent, II etapa, n.º 6, Cádiz, 1976

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]